Lunedì 16 Gennaio 2017Ultimo aggiornamento 8:50

Val Sangone

Giaveno: sparatoria all'Aquila, tre arrestati per tentato omicidio

Dopo la sparatoria di ieri sera sull'Alpe Colombino, nella notte i Carabinieri della Compagnia di Rivoli, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Torino, hanno fermato a Giaveno tre persone, rispettivamente padre, figlio e nipote, nei cui confronti sono stati acquisiti gravi e convergenti elementi di responsabilità per aver ferito due persone a l'Aquila.

Giaveno: sparatoria in montagna nel parcheggio dell'hotel, un uomo colpito alla fronte

Ieri sera, intorno alle 22.45, nel parcheggio dell’hotel ristorante Aquila di Giaveno, in via Alpe Colombino, per cause in corso di accertamento è nata una lite tra due gruppi di persone. Un diverbio che, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, è rapidamente degenerato. Tre persone, a bordo di due autovetture, prima hanno investito un uomo di 41 anni di San Giusto Canavese, procurandogli alcune lesioni alle gambe per le quali è tuttora ricoverato all’ospedale di Rivoli in codice giallo.

Giaveno: con lo slittino contro un palo a l'Aquila, 31enne si rompe una gamba

Intorno alle 12 una squadra della stazione Sasp Valsangone è intervenuta in supporto all'eliambulanza presso l'Alpe Colombino, all'Aquila di Giaveno. Un uomo di 34 anni, scendendo con lo slittino in un prato ghiacciato, ha urtato un palo di recinzione provocandosi una frattura esposta ad una gamba. L'equipe medica ha stabilizzato il paziente sul posto e gli uomini del Soccorso Alpino lo hanno trasportato con barella spinale fino all'elicottero atterrato poco distante.

Capodanno a Pinerolo e dintorni: palloncini luminosi, cenoni e musica

Non sapete ancora come trascorrerete il Capodanno? Ecco qualche idea sul territorio del Pinerolese.

Giaveno: il sindaco Giacone indirizza il gesto "dell'ombrello" alla consigliera Daniela Ruffino

A Giaveno, consiglio comunale infuocato, mercoledì 21. Il sindaco Carlo Giacone, ha più volte indirizzato verso la consigliera di opposizione, ed ex sindaco, Daniela Ruffino,  il gesto dell’ombrello, accompagnandolo dalla parola che di solito lo segue. Si stava parlando di lavori sul torrente Sangone, e come accaduto altre volte, la discussione è scivolata su attacchi personali. In passato, il sindaco aveva già detto a Ruffino “hai rotto le…”, “devi toglierti dai…” e “stai zitta”.

Sci: Lucrezia Lorenzi seconda a Cavalese

Secondo posto nello slalom Fis di Cavalese, per la slalomista Lucrezia Lorenzi di Valgioie (classe 1998), che fa parte del gruppo Giovani della Nazionale ed è tesserata per il Centro Sportivo Esercito, dopo essere cresciuta nelle leve giovanili dello sci club Sestriere. La Lorenzi ha colto l'argento alle spalle di Chiara Costazza, vincitrice (ieri, mercoledì 21) della Fis disputata sull'Alpe del Cermis e valida anche per la classifica del Grand Prix Itaila Giovani. La trentina ha concluso in 1'48"50, con un vantaggio di 2",83/100 sulla diciottenne torinese.

Meteo: peggioramento nel pomeriggio, attesi 70/80 cm di neve oltre i 1.500 metri

La prima parte del peggioramento è arrivata, in anticipo ed anche più intensa di quanto immaginato. La neve è già caduta a tratti in modo intenso sulle pianure, iniziando dal torinese per arrivare poi al pinerolese. Al momento le precipitazioni nevose sono in spostamento verso la provincia di Cuneo mentre è attesa una pausa temporanea sulle altre zone di pianura occidentali.

Coazze: 30enne denunciato per aver rubato un mini escavatore

I carabinieri della stazione di Borgone, in collaborazione con l’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Susa, hanno denunciato M.F., 30enne di Avigliana, ritenuto responsabile del furto di un mini escavatore avvenuto il 28 novembre scorso a Coazze. I militari erano stati informati da alcuni cittadini della presenza di un mini escavatore parcheggiato ai bordi di una strada sterrata nella frazione “Mura” del Comune di Vaie. Dopo aver effettuato il sopralluogo, hanno trovato un portafoglio vicino al sedile di guida.

Referendum costituzionale: il "no" si ferma al 59,95%, a Nichelino arriva al 60,7

Con poco più di 19 milioni di voti su quasi 32 milioni di votanti a livello nazionale (affluenza 68,48%) il fronte del NO ha bloccato la riforma costituzionale con una vittoria al referendum di ieri che per pochissimo si è fermata al di sotto della soglia psicologica del 60%, con il 59,95% delle preferenze valide, contro il 40,05% dei SI.

 

A Nichelino, uno degli ultimi Comuni a completare gli scrutini, il NO ha superato quella soglia, ottenendo il 60,70%.

Referendum costituzionale: i primi risultati nei Comuni del Pinerolese

Iniziano ad arrivare i risultati definitivi del referendum costituzionale in alcuni piccoli comuni del Pinerolese. A in Val Chisone, a Pramollo, 136 votanti su 204 elettori (66,66%) hanno preferito il SI per il 55,56 per cento, e il No per il 44,44 per cento. Dato in controtendenza con le prime proiezioni nazionali che se confermate vedrebbero una vittoria schiacciante del NO nell'ordine di un rapporto vicino a 60-40%.

 

Pagine