Sabato 25 Aprile 2015Ultimo aggiornamento: 24/04/2015 - 22:31

Cronaca

Il progetto messo a punto dal San Luigi di Orbassano sul percorso diagnostico terapeutico assistenziale della sclerosi multipla ha vinto il premio “Market Access Award”, istituto da “MA Provider” con il patrocinio di Università degli Studi del Piemonte Orientale e CittadinanzAttiva. Il premio, del valore di 4mila euro, è stato ritirato a Firenze da Carlo Picco, direttore sanitario del San Luigi in occasione del primo workshop sul prezzo dei farmaci.

Abitava a Beinasco, l'anziano morto sul colpo questa mattina, investito da un tram della linea 4 a Torino, nel quartiere di Mirafiori Sud. Non c'è stato nulla da fare per Giovanni Bessone, 77 anni, residente a Borgaretto. L'incidente è avenuto in corso Unione Sovietica a poche centinaia di metri dal capolinea del tram. L'uomo era in sella alla sua bicicletta quando ha improvvisamente perso l'equilibrio ed è caduto a circa un metro di distanza dai binari finendo sotto il tram. Inutili i soccorsi, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'anziano.

Le Valli Chisone e Germanasca non vogliono pagare per i due milioni del debito dell'Agess, la società pubblico provata che avrebbe dovuto essere agenzia di sviluppo della Val Pellice (nella foto, la ex sede a Villar Pellice) ma che è poi naufragata in un fallimento. I sindaci dell'Unione dei Comuni con sede a Perosa Argentina lo ribadiranno oggi, giovedì 23, alle 17 nella conferenza stampa convocata proprio nella sede di via Roma 22.

Stamattina era sul 39, quando i controllori della Gtt gli hanno chiesto di fornire il biglietto,  un cittadino di nazionalità macedone di 54 anni, residente a Rivalta, è andato in escandescenza ed ha iniziato ad insultare e minacciare gli operanti.

E' stato scarcerato questa mattina dopo una rapida udienza davanti all'Autorità giudiziaria di Albacete,  Enzo Costanza, l'impiegato 38enne di Orbassano sparito martedì scorso insieme al figlio di 15 giorni. L'uomo, che soffrirebbe di disturbi comportamentali, era stato fermato ieri mattina nella città spagnola vicino a Madrid dopo una lunga fuga. Il giudice spagnolo, non riscontrando profili penali rilevanti per la Magistratura spagnola, lo ha rimesso in libertà. L'uomo tornerà a casa in aereo, probabilmente con i suoi familiari, espletate le questioni burocratiche con le autorità locali.

«E' successo a noi, ma poteva succedere ad altri. Non sono stati colpiti i comunisti ed una loro sede, ma chi difende i valori della Resistenza». Sono le parole che il segretario nichelinese di Rc, Gianni Destefano, ha usato per commentare la scritta fascista comparsa ieri mattina sulla serranda del circolo di via Stupinigi.

Ieri nel tardo pomeriggio sei Comuni hanno siglato l'accordo per valorizzare il vecchio borgo e il Parco di Stupinigi. Nichelino, Orbassano e Candiolo, a cui si sono aggiunti None, Vinovo e Beinasco, hanno messo in piedi un percorso da condividere con la Città metropolitana, nella speranza di ottenere finanziamenti europei. La firma è avvenuta nel Podere Ordine Mauriziano di viale Torino con la "benedizione" del commissario della Fondazione Ordine Mauriziano Giovanni Zanetti, proprietaria della Palazzina di caccia (approfondimenti nell'edizione in edicola mercoledì 22). 

"Mi sono preso cura del bambino, l'ho trattato bene. Volevo andare a Santiago di Compostela": queste le prime parole di Enzo Costanza, assistito da un avvocato d'ufficio, interrogato oggi pomeriggio in Commissariato dalla Polizia spagnola. L'impiegato 38enne orbassanese, che martedì pomeriggio era sparito con il figlio di due settimane facendo perdere le proprie tracce, è stato ritrovato questa mattina in un supermercato di Albacete, nei pressi di Madrid, mentre faceva la spesa. Il bimbo è stato trasportato in ospedale per degli accertamenti ma le sue condizioni sono buone.

"Vile 25 Aprile". Questa è la scritta che i militanti di Rifondazione comunista hanno trovato oggi sulla serranda della loro sede di via Stupinigi. Un gesto che ricorda quello del 12 novembre 2014, quando sulla stessa serranda era stata dipinta in nero una svastica, accompagnata da un insulto. I militanti diranno la loro domattina in una conferenza stampa.

"Il bambino sta bene, te lo riporto presto. Io non so cosa farò": questo, in sintesi, il contenuto della telefonata fatta questa mattina da Enzo Costanza, impiegato 38enne di Orbassano, alla moglie Stefania. L'uomo è confuso e al momento è interrogato dalla Polizia spagnola, insieme ai carabinieri di Torino. I militari lo hanno individuato è fermato ad Albacete, un comune a circa 200 chilometri da Madrid, mentre era alla cassa di un centro commerciale al termine degli acquisti. Il bambino sta bene. La mamma è partita intorno alle 13 con un volo per la Spagna.

Pagine