Mercoledì 23 Aprile 2014Ultimo aggiornamento 6:00

News

Un operaio di 53 anni è stato ricoverato stamattina nel reparto di Psichiatria dell'ospedale Agnelli di Pinerolo dopo aver ferito se stesso e la moglie con un coltello. Un vero e proprio raptus, secondo i Carabinieri che sono intervenuti nell'appartamento in centro a Pinerolo, nella zona di piazza Banfi, per il trattamento sanitario obbligatorio e per accertare la dinamica dei fatti. L'uomo avrebbe prima tentato di togliersi la vita, ferendosi all'altezza dell'addome con la piccola lama, lunga circa quattro dita.

Sono in corso nella parrocchia del Sacro Cuore di Luserna S. Giovanni i funerali di Massimo Crespo, molto noto nell'ambiente musicale del nostro territorio come componente dell'orchestra "Enzo e Massimo". È deceduto improvvisamente, a soli 53 anni, il 18 aprile, stroncato da un malore.

Traffico bloccato diversi minuti ieri pomeriggio sulla rotatoria della Palazzina di caccia di Stupinigi. Erano circa le 14,45 , quando, poco prima dello svincolo per Vinovo, una donna ha perso il controllo della sua Fiat Multipla (nella foto di Bussolino) e ha fatto testacoda. Sul posto sono intervenute due autoambulanze e tre mezzi dei vigili del fuoco. La polizia municipale di Nichelino ha chiuso la strada per permettere i soccorsi. La conducente è stata portata al Cto di Torino, ma è stata dimessa in poco tempo, perché fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze.

Da oggi sono pubblicate nella sezione foto gallery del nostro sito le immagini inviate dai lettori dal 9 al 15 aprile per la rubrica "La foto della settimana". 
Per partecipare a "La foto della settimana", basta inviare le proprie immagini a info@ecodelchisone.it (indicando nome, cognome e recapito dell'autore, data e luogo dell'avvenimento). Unica regola: la foto deve riguardare il territorio di riferimento de "L'eco del Chisone".
 Scrivici: la foto più bella potrebbe essere la tua!


La Lega Nord rompe gli indugi, si sfila dall’abbraccio con Forza Italia e lancia il suo candidato sindaco: il consigliere comunale Bruno Calandra (nella foto), 59 anni, che è anche vicino alla candidatura alle prossime Regionali.

Una scelta inattesa, ma dettata dal fatto che «non è stato possibile raggiungere alcun accordo programmatico con altre liste già alleate».

«In tale contesto la Federazione provinciale non può che affidare alla Direzione del Circolo territoriale di Nichelino la responsabilità di mettere in campo una lista di democratiche e democratici che rappresenti compiutamente il PD nella imminente competizione elettorale amministrativa, in un quadro di unità della coalizione». La frase è articolata, complessa e scritta in politichese, ma il messaggio della nota diffusa poco fa dalla segreteria provinciale del Pd, come annunciato, è chiaro: il simbolo va al segretario locale Salvatore Buglio.

La segreteria provinciale del Partito democratico ha deciso: il simbolo del PD è stato affidato a Salvatore Buglio, segretario del circolo locale di Nichelino. La contesa andava avanti sin dalle primarie nichelinesi, vinte da Angelino Riggio, che si presenterà comunque alle elezioni ma con un altro simbolo dopo aver perso l'appoggio della coalizione di centro sinistra. Il partito appoggerà invece il candidato Santo Cistaro.

Si chiama Nicola Giordano l'uomo di 58 anni residente in Belgio arrestato a S. Secondo dai Carabinieri di Pinerolo. Era ricercato dal 2 aprile scorso, quando era sfuggito al blitz contro il narcotraffico. È accusato di associazione a delinquere finalizzato al traffico internazionale di droga, in particolare «ingenti quantitativi» di hashish e cocaina.

Sfida sul filo del rasoio tra le prime due della classe nel campionato di Prima categoria, girone cuneese. Ieri sera, si è giocato un turno di campionato, nel quale il Revello ha ottenuto soltanto un punto contro il Racconigi. 1-1 il finale,  con rete nella ripresa di Donatacci, ma pareggio ospite pochi minuti dopo, con sfortunato autogol di Melifiori. Ma l'Infernotto non fa meglio: 0-1 il risultato di Barge, dove il Centallo passa in vantaggio alla prima azione della partita e riesce a mantenere il risultato per 90'. Coalova sbaglia il rigore del possibile pareggio.

I Carabinieri hanno arrestato a S. Secondo un uomo ricercato dopo essere sfuggito a un blitz del Reparto operativo di Napoli a inizio marzo. Le manette sono scattate per N.G., 58 anni, accusato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Pagine