Pinerolo, manifestazione di genitori e bambini per la riapertura della scuola

Pinerolo, manifestazione di genitori e bambini per la riapertura della scuola
Venerdì 12 Marzo 2021 - 18:28

Un gruppo di genitori e bambini, in totale una trentina, si sono riuniti questo pomeriggio alle 16.30 davanti ai cancelli della scuola Giovanni XXIII di Pinerolo. L'intento della manifestazione era di sensibilizzare le autorità esprimendo il desiderio (di bambini e adulti) di tornare a fare lezioni in presenza. «Dobbiamo difendere la scuola come bene comune - afferma una mamma presente alla manifestazione - e soprattutto dobbiamo dare voce a chi voce non ha: i nostri figli, tornati a stare ore dietro ad un tablet, questa non è la scuola che vogliamo».

Molte le altre voci che hanno espresso un malumore generale: «La scuola deve riaprire per il bene di tutti: dei nostri figli in primo luogo, perché hanno bisogno di tornare tra i banchi per socializzare e imparare in maniera sana; e in secondo luogo anche di noi genitori, che dobbiamo lavorare, non sono ancora stato sbloccati i congedi, e lasciare i bambini con i nonni non è prudente. Hanno seguito per mesi tutte le regole previste, ora i bambini sono quasi gli unici a dover stare a casa», ci dice un'altra giovane mamma (gli adulti partecipanti erano quasi tutte donne). Infine il timore di alcuni è che si creino disparità: «Con la Dad abbiamo studenti di serie A e studenti di serie B; c'è chi ha possibilità di essere seguito a dovere e non avrà problemi; ci sono altri invece che non hanno la possibilità neanche di fare lezione con un tablet e devono usare il cellulare, questi si rischiano di perdere per strada». 

Il gruppo si è poi trasformato in corteo, procedendo verso piazza Cavour ed è terminato davanti al municipio, qui il sindaco Luca Salvai è sceso per ascoltare le istanze: «Come già espresso più volte credo che in caso di necessità la scuola debba essere sempre l'ultimo luogo a chiudere». 

Foto Dario Costantino
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino