Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:26

Elisoccorso: stabilite le tariffe in zone impervie e le compartecipazioni ai costi

Elisoccorso: stabilite le tariffe in zone impervie e le compartecipazioni ai costi
Lunedì 2 Novembre 2015 - 14:59

Sono state diffuse oggi le tariffe aggiornate per i voli dell'elisoccorso 118 a carico del sistema sanitario. Ma la novità più importante è la decisione della Regione Piemonte di prevedere una compartecipazione ai costi del soccorso aereo nelle zone impervie (quindi non solo in montagna) e del soccorso alpino per i non residenti in Piemonte e per le chiamate immotivate, per comportamenti irresponsabili e per mancanza di dotazioni tecniche adeguate e per la scenta di percorsi vietati o non adatti alle proprie capacità.

 

Ad oggi ogni volo dell'elisoccorso costa alla collettività 3.084 euro, costo fisso per intervento. Dal 1º gennaio per le prestazioni di emergenza le altre Regioni di residenza dell'infortunato compenseranno secondo le nuova tariffe: 120 di diritto fisso di chiamata e 120 euro per ogni minuto di volo. Tariffe che si applicano anche al Soccorso alpino speleologico piemontese: 120 euro per la chiamata, più 50 euro per ogni ora di operazioni oltre la prima per ogni squadra coinvolta.

Tutti, residenti e non, copriranno l'intero costo in caso di chiamate immotivate (per esempio uno scherzo) e in caso di comportamento irresponsabile. La compartecipazione avrà invece un tetto di mille euro in caso di mancanza di dotazione tecnica (come l'Arva per il rilevamento sotto le valanghe) o di scelta di percorsi troppo difficili o vietati. «Fermo restando - precisa la Regione - la non applicazione in caso di ricovero del paziente in reparto o in osservazione breve intensiva in pronto soccorso». Le condizioni per stabilire l'eventuale compartecipazione saranno rilevate dagli equipaggi intervenuti.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino