Tennis, grandi emozioni a Roland Garros: la finale ai rivali, applausi Vavassori con Bolelli

Tennis, grandi emozioni a Roland Garros: la finale ai rivali, applausi Vavassori con Bolelli
Sabato 8 Giugno 2024 - 19:31

Un pomeriggio con il cuore il gola per la finale del doppio maschile al Roland Garros: alzano il trofeo Arevalo e Pavic, ma per lo sport Pinerolese è stata una giornata storica, con Andrea Vavassori in coppia di Simone Bolelli che qui su questo campo teatro delle gare olimpiche hanno dato autentico spettacolo. Vittoria per gli avversari degli azzurri 7-5, 6-3, autori di una prestazione di altissimo livello, specie nel servizio da parte dell'honduregno. Arevalo e Pavic hanno battuto già due volte in stagione i portacolori italiani, sono arrivati come nona testa di serie e hanno chiuso in bellezza. Primo set assolutamente in equilibrio, fino al 5-5. Le statistiche aumentano il rimpianto per Bolelli-Vavassori: hanno contato i dettagli visto che entrambe le coppie hanno messo in campo il 74% delle prime, Decisivo il break subito dai nostri atleti nel 12° gioco del primo set (da 40-0) e all'8° game del secondo parziale. I due azzurri hanno avuto a disposizione ben quattro palle break nel sesto game, oltre a ripresentarsi competitivi anche nel secondo parziale. L'affermazione in due set da parte di Arevalo e Pavic, per quanto meritata, non rende pienamente giustizia al torneo disputato da Vavassori e Bolelli. Un condensato di emozioni abbinato alla conquista di punti preziosi nella Race to Turin, anche se il pensiero, qui a Parigi, non può che correre agli imminenti Giochi Olimpici. In piazza Matteotti, al circolo tennis, si erano dati appuntamento tanti sostenitori per la visione comune della gara, presente anche la mamma di Andrea, signora Dorina. Intanto, a Roland Garros, sotto gli occhi della sorella di Vavassori, Sara, si sentivano i preziosi consigli di papà Davide. L'appuntamento con la vittoria in uno Slam è solo rinviata.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino