Sabato 24 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 23/10/2020 - 22:04

Pinerolese: «Rinascita se si lavora rete», le proposte del Cpe

Pinerolese: «Rinascita se si lavora rete», le proposte del Cpe
Venerdì 9 Ottobre 2020 - 17:53

Si è svolto questa mattina a Torino, nella sede del Campus Onu il Convegno "La rinascita del territorio nel modello Pinerolo" in occasione dell' insediamento del Comitato d'onore del Consorzio Cpe, presieduto da Francesco Carcioffo. Comitato a cui sono stati chiamati a partecipare  e soprattutto a dare il proprio contributo di idee: Flavio Boraso, Direttore Generale ASL TO3, Mario Damilano Presidente di Pontevecchio Acque Minerali,  Mons. Derio OliveroVescovo di Pinerolo, Guido Saracco Rettore del Politecnico di Torino. Presenti in platea numerosi amministratori tra cui il sindaco di Pinerolo Luca Salvai, operatori economici, rappresetanti di enti e associazioni. I embri del Comitato d'onore sono stati chiamati ad intervenire al Convegno per parlare di presente e futuro del nostro territorio. «Può sembrare che l'incontro su un tema locale si tenga a Torino, lo abbiamo fatto perchè quando si parla di strategie occore farlo allargando i propri orizzonti ed evitando di guardarsi la punta dei piedi» ha esordito il Presidente Francesco Carcioffo. Tutti gli interventi hanno poi sottolineato l'importanza di fare rete non solo tra imprese, ma tra tutte le componenti della società. «Lo è tanto più oggi che il Covid ci pone di fronte ad opportunità unica: se il territorio perderà il treno del Recovery fund non ce ne sarà altro». Il Cpe in primi anni di attività si è speso in diversi progetti che hanno avuto successo grazie ad una rete di rapporti e collaborazioni con i principali attori del territorio. Al centro delle attività dei prossimi mesi del Cpe, il progetto "Ripartiamo insieme" nato anche per iniziativa dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, creato per affrontare la ripartenza post Covid a cui già lavorano sette tavoli tematici.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino