Giovedì 2 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 10:23

«Siamo chiusi ma ci siamo»: l'onda della protesta nata a Pinerolo arriva fino a Genova

«Siamo chiusi ma ci siamo»: l'onda della protesta nata a Pinerolo arriva fino a Genova
Venerdì 8 Maggio 2020 - 12:10

«Siamo chiusi ma ci siamo». Una frase semplice, che tantissimi commercianti lunedì mattina hanno voluto sposare a Pinerolo, in una protesta silenziosa di fronte ai negozi sbarrati, ma illuminati. Un modo per far sentire la propria voce e dare un volto alla propria attività, che sta subendo un durissimo colpo a causa dell'emergenza Covid-19: la chiusura prolungata (il riferimento va soprattutto a quegli esercizi che ancora dovranno attendere prima di poter ripartire) li sta infatti costringendo a pagare un duro prezzo.

L'iniziativa, grazie al tam tam sui Social e via whatsapp, ha trovato da subito l'adesione locale, ma si è anche allargata al nord Italia. Sono molte le realtà che hanno voluto proporre la stessa iniziativa. Tra queste, i commercianti di Nervi (Genova), che sabato mattina tireranno su le loro saracinesche, illumineranno gli esercizi e apporranno sulle vetrine cartelli con la scritta «Siamo chiusi ma ci siamo», la stessa usata dai colleghi di Pinerolo. Sulla protesta pinerolese - promossa da Franca Samuel (nella foto) e Sylva Fashion Outlet a cui ha dato la sua adesione anche Cna -, ampio articolo su L'Eco del Chisone in edicola.

 

Foto Dario Costantino

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino