Martedì 20 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:30

Su L'EM di aprile, il reportage sulle fusioni dei Comuni

Su L'EM di aprile, il reportage sulle fusioni dei Comuni
Mercoledì 11 Aprile 2018 - 08:11

Due Municipi ma un solo sindaco, una sola sede, una sola Anagrafe. È ciò che succede con le Fusioni di Comuni, tema sempre più attuale anche nel Pinerolese, dove due Amministrazioni come Usseaux e Pragelato hanno tentato nei mesi scorsi di avviare la discussione, cozzando però contro un muro di diffidenza. Su L'EM di aprile, in edicola da oggi anche nella versione digitale, vi raccontiamo nel reportage della sezione Dieci Pagine come è nato Borgomezzavalle, un matrimonio riuscito tra due piccoli paesini della Valle Antrona, nell'Ossola che si incunea verso la Svizzera.

In questo numero inauguriamo anche la media partnership con il progetto A.P.P. VER. (Apprendere per produrre Verde), un progetto italo-francese finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale, che coinvolge enti, istituzioni e imprese green del territorio. Lo scopo: creare una rete per far emergere i processi di cambiamento in senso "verde" in atto intorno a noi. Il primo di una serie di articoli dedicati al tema è dedicato alla casa sostenibile, una filiera che ancora deve crescere, ma che è il mercato edilizio del futuro.

Sostenibilità è anche la parola d'ordine del Cio nell'assegnare le future Olimpiadi. Il nostro territorio è tra i candidato a organizzare i Giochi invernali del 2026 vent'anni dopo l'esperienza di Torino 2006. Nella rubrica "Pane, vino e parole" scambiamo quattro chiacchiere con la medaglia d'oro Pierino Gros, un uomo a cinque cerchi, dentro e fuori le piste da sci.

 

(Nella foto di Chiara Bruno, il sindaco di Borgomezzavalle Alberto Preioni e il capo della minoranza Peppino Colombo, già sindaci dei Comuni originari della fusione)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino