Lunedì 8 Marzo 2021Ultimo aggiornamento 15:01

È in edicola "L'Eco mese-L'em" di aprile, con l'inchiesta sulla matematica

È in edicola "L'Eco mese-L'em" di aprile, con l'inchiesta sulla matematica
Mercoledì 13 Aprile 2016 - 09:14

Su L'Eco mese - L'EM di aprile facciamo i conti con la matematica. Dieci pagine di approfondimenti e interviste di Marco Parella, Luca Prot e Federico Rabbia per rispondere a una domanda: è davvero la "bestia nera" delle materie? Molti di noi hanno avuto paura, almeno una volta, di un'esame, un compito in classe, un'interrogazione alle prese con numeri e logica. Ma è proprio così che deve andare?

 

La scuola primaria, tra limiti dell'insegnamento e metodi innovativi, le scuole superiori, dove per far amare la matematica la si infila anche nel teatro o in un social network ad hoc, fino all'Università e al Cepu. Un viaggio nel mondo di una materia che probabilmente - con le nuove tecnologie e i loro calcoli automatici - diventa ancora più importante, e non meno come si potrebbe credere.

 

Un linguaggio quasi universale. Ma certo non l'unico. Nell'Eco mese - L'Em in edicola (diponibile anche nella versione digitale) parliamo a lungo delle parole nuove della Resistenza, un valore che non passa di moda e si tramanda ai giovani. E grazie al linguaggio universale delle immagini vi portiamo sull'isola di Lesbo, con un portfolio fotografico dedicato all'emergenza umanitaria degli sbarchi e al lavoro di due volontarie pinerolesi per l'assistenza sanitaria ai migranti.

 

La Tavola rotonda mette a confronto i gestori di tre stazioni sciistiche di diverse dimensioni e un esperto di meteo, per ragionare sull'inverno che è stato (caldo all'inizio, piovoso alla fine) e su cosa ci sia aspettarsi da quelli futuri nell'ottica della gestione dell'industria dello sci.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino