Sabato 26 Settembre 2020Ultimo aggiornamento 12:22

Pragelato: un misterioso imprenditore di Alessandria potrebbe gestire gli impianti invernali

Martedì 19 Ottobre 2010 - 17:45

PRAGELATO - Sarebbero ben due gli imprenditori interessati alla gestione degli impianti da discesa di Pragelato. Di questo si è discusso durante la Giunta comunale e l’incontro con la minoranza di giovedì 14 ottobre: «Ci sono delle persone che si sono fatte avanti - conferma l’assessore al Bilancio Andrea Brentan - e questa settimana dovrebbero uscire i due bandi, quello per la discesa e quello per il fondo. Ci sta ovviamente lavorando l’ufficio tecnico, si tratta di un lavoro articolato che richiede un po' di giorni».
Due potenziali gestori avrebbero quindi dimostrato interesse per la stazione sciistica pragelatese. Persone esterne al paese che in questi giorni a detta dell’assessore «faranno dei sopralluoghi per studiare la situazione».
Il sindaco Gianni Arolfo avrebbe svelato durante l'incontro qualche dettaglio in più su uno dei due interessati: si tratterebbe di un imprenditore alessandrino pronto a investire tre milioni di euro per il rifacimento degli impianti e 500mila per la gestione di quest’inverno, chiedendo un rimborso al Comune di 50mila euro.
«Abbiamo posto un mucchio di “se” - afferma Daniele Ronchail, capo del gruppo di minoranza - perché la cosa ci sembra incredibile. Noi ci auguriamo che questa persona che vuole investire su Pragelato effettivamente si presenti al bando e che non sia solamente una bufala».
Pare effettivamente stupefacente che la situazione sul futuro della stazione sia mutata così radicalmente nel giro di poche settimane, da quando durante un agitato e lungo Consiglio comunale si era addirittura paventata una drastica chiusura.
Una notizia tanto positiva quanto inaspettata, che ha lasciato comunque perplessa la minoranza. La quale infatti non ha ancora accordato il proprio placet per sbloccare i 63mila euro "congelati" in Consiglio, che dovrebbero essere destinati alla manutenzione degli impianti: «Vogliamo essere sicuri che ci sia un gestore, attendiamo la chiusura del bando», afferma Daniele Ronchail.
Sembra dunque accantonato il progetto iniziale di gestione unica annunciato dal sindaco nelle scorse settimane, in cui si cercava un unico ente che gestisse il fondo, la discesa e i trampolini.
Il bando è attesto per la prossima settimana. Intanto sono iniziati i lavori tanto attesi in Val Troncea per il ripristino della pista erosa dall’esondazione della primavera scorsa.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino