Lunedì 19 Aprile 2021Ultimo aggiornamento: 17/04/2021 - 23:35

Incidente in moto, muore negoziante

Valter Barbero, dello storico "Pesi e misure", aveva 55 anni
Lunedì 31 Maggio 2010 - 16:40

Il padre di Valter Barbero era scomparso quando lui aveva appena 21 anni, lasciandogli la responsabilità della rinomata ditta di famiglia. A suo figlio Alberto, anche lui 21enne, è toccato ora l'identico destino. Titolare del negozio "Barbero bilance" di corso Torino, forse più noto a Pinerolo con il nome di "Pesi e misure", Valter Barbero è morto sabato 29 all'età di 55 anni dopo una caduta con la sua moto a Crissolo.
Inutile, purtroppo, il tentativo di soccorrerlo, e il trasporto immediato con l'elicottero del 118 all'ospedale S. Croce di Cuneo. L'incidente è avvenuto intorno alle 16,30 al bivio per Oncino, in uscita da una doppia curva molto stretta. Secondo i primi accertamenti, eseguiti dai Carabinieri di Crissolo, non sarebbero stati coinvolti altri veicoli. Barbero deve avere perso da solo il controllo della sua Yamaha, uscendo di strada. I soccorsi sono stati chiamati da un passante.
Il commerciante pinerolese abitava a S. Pietro V.L. con la moglie Maria Perri. Oltre al figlio Alberto, che lavorava con il papà, lascia anche le figlie Alessandra, di 24 anni, e Cristina di 28. I funerali, martedì 1º giugno, partono dall'ospedale cuneese alle 14 per raggiungere la parrocchia di S. Pietro Val Lemina alle 15,30.
Una ditta storica, quella di famiglia: «Nostro nonno aveva fondato la "Barbero pesi e misure" nel 1919. Costruiva bilance nell'officina vicino alle carceri. Poi nostro padre ha proseguito l'attività con il negozio in via Buniva, spostato poi in corso Torino dopo la sua scomparsa». A ricordarlo è Mauro, fratello maggiore dello sfortunato motoclista, che aveva anche un fratello minore, Silvio.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino