Giovedì 9 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 12:49

Vinovo: 30 orti urbani per gli anziani più poveri

Sorgeranno vicino al parco Corona verde
Lunedì 26 Aprile 2010 - 12:26

VINOVO - L'Amministrazione comunale sta valutando la possibilità di realizzare gli orti urbani, progetto di cui si era già parlato quando i privati donarono il campo di calcio (ormai inutilizzabile) in via Candiolo al Comune. O quando la realizzazione dell'argine protettivo sulla riva destra del Chisola creò una larga fascia di terreno di proprietà comunale fra il torrente e le prime abitazioni del paese. Parole che non ebbero seguito.

«Crediamo fortemente nella valenza sociale del progetto - dice il vice-sindaco Francesco Cerulli - e abbiamo già preparato una bozza di regolamento per la concessione e identificato l'area già di proprietà comunale. Dobbiamo definire i, seppur minimi, costi di concessione e capire se i cittadini sono interessati agli orti urbani».

L'area è una piccola parte di un terreno di circa 80mila metri quadri acquistati dall’Ordine mauriziano, confinante con il parco Corona verde e con la circonvallazione.

L’ipotesi di impostazione prevede l’assegnazione di 30 appezzamenti con graduatoria fra le varie domande che privilegerebbe i titolari di sola pensione e chi ha un basso reddito Isee. Esclusi i non residenti e chi è già proprietario di terreni coltivabili. I lavori iniziali mirano ad ottimizzare gli spazi e a creare le condizioni per mantenere nel tempo ordine e decoro: prima si preparerà il terreno, poi si procederà a dividere i singoli lotti con siepi e cancelletti: ogni orto sarà corredato di un basso fabbricato per gli attrezzi e servizio igienico. Infine si realizzerà un pozzo con apparecchiature idrauliche in modo da avere rubinetti ogni tre-quattro appezzamenti, l’allacciamento elettrico e il necessario parcheggio per le auto.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino