Venerdì 14 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 15:00

Il voto dei cattolici: botta e risposta tra Cota e la Bresso

Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:38

Roberto Cota e Mercedes Bresso i due maggiori contendenti alla presidenza della Giunta regionale. Il primo Pdl e Lega, la seconda del centrosinistra (Pd, Udc, Radicali con accordo tecnico con la Federazione della sinistra). Sul tema del voto dei cattolici Cota ha più volte attaccato la Bresso. Poniamo loro due domande conseguenti.

Cota al Tg1 nazionale di venerdì ha detto che la Bresso ha governato per cinque anni la Regione contro i principi del cattolicesimo. Come e quali?

Cota: «Parlano i provvedimenti che ha proposto e poi ritirato: quelli sulla famiglia allargata diversa da quella fondata da un uomo e una donna, è sempre stata fautrice della pillola abortiva, ha invitato il papà di Eluana a portare la figlia in Piemonte per sospendere l’alimentazione, ha sempre criticato la Chiesa e ha detto che si sarebbe fatta valdese piuttosto che essere cattolica e l’ha detto in termini aggressivi e non solo per l’8 per mille. Il suo atteggiamento anticlericale è di tutta evidenza. Lei è una radicale abortista e ciò è incompatibile con i valori cattolici. Io sono cattolico e intendo sostenerli».

Bresso: «Sono affermazioni indecenti. Siamo di fronte al principio che chi non è credente non possa governare rispettando i valori cristiani. Noi non abbiamo fatto le marchette a nessuno, ma abbiamo quadruplicato i fondi a favore degli oratori cattolici e riconosciuto il Cottolengo come presidio ospedaliero perché lavora bene ed è una struttura storica. Quella di Cota è una forma di intolleranza che nulla ha di cattolico. Gli dico di vergognarsi. Nessuno si appropri di una religione per farne un uso politico: questo sì che è anticristiano e anticattolico».

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino