Martedì 4 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 03/08/2020 - 19:20

A scuola, lezioni con i cani

Negli istituti di Envie e Revello
Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:32
Progetto di pet therapy alle elementari

REVELLO - Sbarca anche all'Istituto comprensivo di Revello l'innovativo progetto educativo di "pet therapy", una serie di attività con animali finalizzate al miglioramento delle condizioni fisiche, sociali ed emotive dei bimbi. Partiranno a febbraio le lezioni tenute dalla dott.ssa Daniela Fraire, medico veterinario di Envie, supportata dal veterinario Asl Fabrizio Milla, mirate a divulgare tra i bambini delle elementari le potenzialità benefiche riconosciute alla disciplina.

Un mondo ancora semi-sconosciuto quello della pet therapy, utilmente applicata in vari disturbi comportamentali, in grado di ottenere significativi benefici fisici, psichici e relazionali. Questa terapia, individuata negli Anni '60 dal neuropsichiatra infantile americano Boris Levinson, è basata sull'interazione uomo-animale.

Le cinque classi delle elementari enviesi e le classi seconde di Revello sperimenteranno un'educazione di tipo prettamente ludico, costituita da sette-otto incontri (di circa un'ora) che coinvolgono cani appositamente preparati in contesti educativo-formativi. Nella pet therapy possono essere utilizzati diverse specie di animali: conigli, criceti, asini, capre, cavalli, gatti e ovviamente il cane, la cui relazione con l'uomo vanta un legame atavico.

Le lezioni della dott.ssa Fraire, che vanta un Master universitario in pet therapy, saranno precedute da un paio di lezioni propedeutiche svolte dal dott. Milla. I corsi, che per la zona sono una autentica novità, sono finanziati dalla Comunità montana e prevedono anche una visita al centro di ippoterapia di Torino e all'eliporto di Aosta, con l'incontro dei cani da soccorso.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino