Sabato 8 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 9:45

L'ampliamento del polivalente in un incontro pubblico

Martedì 12 la Giunta presenta il progetto
Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:16

S. PIETRO V.L. - Sarà presentato martedì 12 alle 21, nel salone polivalente di piazza Mercato, il progetto che ha preso il posto del tanto discusso "Pit-stop". Si tratta di una variante al piano portato avanti dall'ex-sindaco Berger (che prevedeva di costruire un nuovo edificio a finalità turistica in piazza Europa) e che consiste nell'ampliare proprio quel polivalente che ospiterà la serata.

«La scelta che a noi è parsa più sensata - spiega il sindaco Anna Balangero - è stata quella di chiedere la devoluzione del contributo già erogato dalla Regione di 549.781 euro a fondo perduto sul salone polivalente, struttura da riqualificare». Nel Polivalente ristrutturato, il visitatore troverà un ufficio turistico («perché la finalità del finanziamento regionale era strettamente legata al turismo»), un grande salone a capienza variabile con 200 posti a sedere e 100 in piedi, un'area cucina e bar e uno spazio che diventerà la sede del nuovo Centro studi monumento ai Piemontesi nel mondo («Il materiale sul monumento potrebbe anche costituire un'esposizione permanente»). Al piano inferiore, attualmente adibito ad autorimessa e a locali deposito, sarà ampliato il ricovero dello scuolabus. I lavori dovranno iniziare entro il 31 marzo: «Speriamo di chiudere il cantiere entro giugno 2011».

L'incontro di martedì si preannuncia acceso. Le minoranze, che in Consiglio hanno già contestato i costi del progetto (gli stessi previsti per il "Pit-stop"), daranno battaglia. «È nostra intenzione ascoltare il parere dei cittadini nel segno della trasparenza», conclude il sindaco, che già pensa a riqualificare l'area di piazza Mercato intorno al polivalente («ma soltanto se rientreremo nei fondi a disposizione»).

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino