Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:14

Previsioni 3-5 aprile + Pasquetta: fine del caldo anomalo, con qualche disturbo

Previsioni 3-5 aprile + Pasquetta: fine del caldo anomalo, con qualche disturbo
Venerdì 2 Aprile 2021 - 21:56

Siamo alle battute finali di questo periodo caratterizzato da sole quasi indisturbato accompagnato da valori termici decisamente oltre la media del periodo, che in pianura sono riusciti a valicare la soglia dei 25 °C come è solito attendersi a fine maggio.

L’alta pressione di origine sub-tropicale, che ha trasportato aria molto mite africana sopra le nostre teste nei giorni scorsi, sta per abbandonare l’Italia per spostarsi tra il vicino Atlantico e la Gran Bretagna (da domenica si isolerà un cella anticiclonica autonoma che punterà addirittura verso la Groenlandia). Contemporaneamente, una saccatura depressionaria di origine artica si porterà rapidamente prima verso la Scandinavia e poi verso l’Europa orientale, lambendo anche l’Italia tra domani e domenica dove si attiverà una corrente fredda da E-NE nei medio-bassi strati. 

Le correnti da est in Valpadana saranno anche responsabili di un temporaneo aumento dell’instabilità sulle nostre zone tra domani sera e le prime ore notturne su domenica, con l’attivazione di rovesci o temporali sparsi soprattutto sulle zone a ridosso dei monti e sui rilievi piu’ vicini alla pianura (come sempre le piu’ esposte a tali correnti). La cartina seguente evidenzia i rovesci previsti intorno alla mezzanotte di domenica:

Già dalla mattina di Pasqua il cielo tornerà rapidamente a rasserenarsi, ad eccezione di qualche nube residua sulle zone pedemontane e di media-bassa valle fino all’ora di pranzo. Dal pomeriggio e fino a tutta la giornata di Pasquetta il sole tornerà protagonista dappertutto, ma con temperature piu’ in linea col periodo e con massime non piu’ diffusamente oltre i 20 ° in pianura. Il tutto in attesa dell’arrivo di un intenso fronte freddo che tra martedì e mercoledì riporterà un clima simil-invernale (ma con alto rischio di pochissime o nulle precipitazioni).

La giornata di domani seguiterà ad essere ben soleggiata almeno fino al primo pomeriggio, mentre le prime nubi cumuliformi inizieranno a formarsi sui rilievi nel tardo pomeriggio, con la possibilità di qualche isolato rovescio o temporale; ulteriore aumento dell’instabilità nel corso della serata, con rovesci o temporali possibili un po’ su tutto il pinerolese ma soprattutto a ridosso dei rilievi ed intorno alla mezzanotte. Venti da est in rinforzo tra il pomeriggio e la sera, con raffiche ulteriormente forti nelle zone interessate dai temporali. Temperature minime mattutine in pianura poco sopra i 5 °C nelle zone lungo il Po, intorno ai 10 °C altrove; massime in lieve calo e generalmente poco superiori ai 20 °C in pianura.

La giornata di Pasqua inizierà con un po’ di nuvolosità medio-bassa residua in pianura ed in bassa valle ad inizio mattinata, ma con cielo in rapido rasserenamento dappertutto prima di pranzo. Il cielo resterà sereno o poco nuvoloso per la parte restante della giornata, ad eccezione di un po’ di nuvolosità cumuliforme pomeridiana sui rilievi ma non associata a precipitazioni. Temperature minime circa stazionarie, intorno o poco inferiori ai 10 °C in pianura; massime in calo, poco sotto i 20 °C con qualche punta intorno a quel valore su Torino e prima cintura.

La giornata di Pasquetta sarà caratterizzata da cielo sereno o poco nuvoloso dal mattino alla sera, con forse un certo aumento della nuvolosità in serata per l’avvicinarsi del fronte freddo dalla Francia. Temperature minime in lieve calo, poco inferiori ai 10 °C in pianura con punte verso i 5 °C nelle zone di aperta campagna lungo il Po; massime in lieve aumento e intorno ai 20 °C.

Articolo a cura di Meteo Pinerolo

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino