Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:26

Scalenghe si prepara alla "zona rossa"

Scalenghe si prepara alla "zona rossa"
Mercoledì 3 Marzo 2021 - 13:12

A partire dalle ore 19 di oggi, mercoledì 3 marzo, il comune di Scalenghe sarà ufficialmente in zona rossa, come disposto dall’ordinanza di ieri firmata dal Governatore del Piemonte Cirio. «La collocazione in zona rossa è dovuta ad un improvviso aumento dei contagi, che ha portato a quota 28 positivi nel nostro Comune, e alla presenza della variante inglese in alcuni di questi casi – spiega il sindaco Alfio Borletto – È soprattutto in relazione a quest’ultimo aspetto che è stata disposta la chiusura del comune. Sebbene siamo relativamente isolati dagli altri comuni situati in zona rossa, la variante inglese desta troppe preoccupazioni e deve essere affrontata con la massima serietà e cautela».

Da questa sera entreranno quindi in vigore tutte le misure tipiche della zona rossa: spostamenti vietati anche all’interno del comune, sospensione di tutte le attività scolastiche di ogni ordine e grado in presenza (prosecuzione in DaD), chiusura di Bar e Ristornati (solo asporto) e chiusura dei negozi e delle attività che non siano supermercati, negozi di alimentari e beni di prima necessità, edicole, tabaccherie, farmacie, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e centro estetici.

«Come Amministrazione stiamo cercando di incentivare le iniziative di Regione e Asl per l’esecuzione di tamponi e per la realizzazione di una campagna vaccinale che copra le fasce più a rischio del nostro Comune – rassicura Borletto –. Occorre però che li cittadini facciano un ulteriore sforzo di collaborazione per osservare queste misure. Siamo consapevoli della fatica e della frustrazione che questa nuova situazione comporta, ma è opportuno agire per la salvaguardia della salute delle nostre concittadine e dei nostri concittadini».

Francesco Chiavassa
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino