Mercoledì 25 Novembre 2020Ultimo aggiornamento 16:38

Sospesi i blocchi del traffico: tornano a circolare i diesel

Sospesi i blocchi del traffico: tornano a circolare i diesel
Venerdì 20 Novembre 2020 - 09:15

Da oggi, venerdì 20, si torna a circolare liberamente nei Comuni piemontesi dove da martedì 17 erano scattati i blocchi del traffico (fra cui Nichelino, Beinasco e Orbassano). Ieri sera il presidente della Regione Alberto Cirio ha firmato una nuova ordinanza insieme agli assessori all'ambiente e alla sanità Marnati e Icardi, che revoca i blocchi del traffico.

 

Nei giorni scorsi Cirio e la sindaca di Torino Chiara Appendino si erano trovati alleati, insieme ai Comuni della cintura, nel chiedere al Governo che le limitazioni venissero allentate. In particolare per evitare un sovraccarico del trasporto pubblico, che in questo momento è limitato al 50 percento della capienza in seguito ai DPCM per la limitazione del contagio. Per revocare il semaforo arancione serviva però il via libera del ministro dell'Ambiente Sergio Costa a derogare dall'Accordo del Bacino Padano, che regolano le misure per controllare la qualità dell'aria nelle regioni del Nord Italia.

 

La risposta di Costa è arrivata ieri, giovedì 19, e poche ore dopo Cirio ha firmato la nuova ordinanza. << Una giusta misura - commenta l'assessore regionale all'Ambiente Marnati - che, finché saremo in Zona Rossa o Arancione, non aggraverà il disagio legato allo spostamento delle persone per motivi di lavoro e necessità. Tutelare la qualità dell’aria rimane una priorità dell’assessorato all’Ambiente con misure di contrasto all’inquinamento>>. Il ministro ha chiesto in ogni caso <<L'attivazione urgente di un tavolo tecnico per condividere le iniziative da adottare per la riduzione delle emissioni inquinanti>>.

 

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino