Domenica 25 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 24/10/2020 - 19:29

Previsioni 21-24 settembre: spiccata instabilità, poi primo peggioramento autunnale!

Previsioni 21-24 settembre: spiccata instabilità, poi primo peggioramento autunnale!
Domenica 20 Settembre 2020 - 22:03

Durante questo weekend abbiamo assistito ai primi disturbi del tempo dopo il periodo simil-estivo settembrino (peraltro con valori termici fin troppo vicini a quelli dell’estate piena…), dove nubi e qualche precipitazione ci hanno un po’ ricordato che ormai siamo quasi alla fine di settembre e la stagione autunnale deve entrare nel vivo.

L’inizio della settimana entrante proseguirà nel segno dell’instabilità, con nubi e precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, alternati a momenti piu’ soleggiati. La giornata piu’ instabile dovrebbe essere quella di martedì, mentre quella piu’ soleggiata dovrebbe essere mercoledì. Tale instabilità trae origine da una modesta area depressionaria in quota sull’Europa centro-occidentale, che estende la sua influenza fin sul centro-nord Italia mediante una ventilazione in quota umida ed instabile da S-SW.

Sul piano delle temperature, in questa prima fase non arriverà chissà quale freddo ma solo un ritorno a valori termici in linea col periodo, con massime in pianura solo a tratti oltre i 20 °C e minime non inferiori ai 15 °C (eccetto forse qualche caso isolato).

Tuttavia, a partire da giovedì ecco una profonda e vasta struttura depressionaria atlantica farsi largo prima sulle isole britanniche, accompagnata da fredde correnti di origine groenlandese che entro venerdì riusciranno agevolmente ad entrare sulla Francia e poi su gran parte d’Italia. Si aprirà pertanto un periodo nettamente piu’ freddo, ventoso e con nuove precipitazioni di attuale difficile localizzazione, sebbene sembra probabile che tra giovedì e venerdì una perturbazione organizzata riesca a portare fenomeni diffusi e di un certo peso anche nel pinerolese. Sarà probabilmente l’avvento ufficiale dell’autunno nelle nostre zone, in linea con l’equinozio d’autunno.

La giornata di domani trascorrerà con cielo spesso nuvoloso o coperto, soprattutto la mattina e la sera quando sarà alto il rischio di qualche rovescio o temporale. Spazi soleggiati possibili nel pomeriggio. Clima umido ma non freddo per il periodo, con temperature minime in pianura intorno o poco oltre i 15 °C e massime poco superiori ai 20 °C.

La giornata di martedì vedrà un’ulteriore accentuazione dell’instabilità, con cielo quasi sempre nuvoloso o coperto dappertutto e precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, possibili dalla mattina alla sera. Parziale miglioramento in tarda serata. Temperature minime circa stazionarie, mentre le massime caleranno lievemente con valori probabilmente non superiori ai 20 °C in pianura.

La giornata di mercoledì sarà caratterizzata da una maggiore presenza di schiarite, le quali dovrebbero prevalere sulle nubi per l’intera giornata, grazie ad una temporanea rotazione delle correnti in quota da W. Bassa probabilità di precipitazioni. Temperature minime stazionarie o in leggero calo, con valori intorno o poco inferiori ai 15 °C in pianura; massime in lieve aumento e nuovamente poco superiori ai 20 °C.

La giornata di giovedì partirà probabilmente con cielo poco o parzialmente nuvoloso, mentre nel corso del pomeriggio la nuvolosità tenderà ad aumentare a partire da ovest per l’avvicinarsi alle Alpi occidentali dell’intesa perturbazione atlantica. Le prime precipitazioni sono attese in serata. Temperature sia minime che massime circa invariate rispetto a mercoledì.

Da ora fino agli esordi del forte peggioramento atteso nella notte su venerdì, le precipitazioni cumulate nel pinerolese grazie all’instabilità non dovrebbero essere trascurabili, con accumuli fino a 20-30 mm come si nota nella cartina seguente:

Articolo a cura di Meteo Pinerolo

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino