Sabato 6 Marzo 2021Ultimo aggiornamento: 05/03/2021 - 23:17

Regge e Castelli a un passo da qui, ecco perchè visitarle

Regge e Castelli a un passo da qui, ecco perchè visitarle
Domenica 9 Agosto 2020 - 18:08

Sono numerose le tracce che la Storia ha lasciato su questo territorio.

Il castello di Racconigi, ad esempio, meraviglioso esempio a poco più di mezz'ora di auto da Pinerolo. Negli oltre nove secoli di Storia, cinque re d’Italia, uno zar, decine di ministri e dignitari hanno varcato le soglie del Castello Reale di Racconigi. L’aver attraversato così tanti secoli permette al visitatore di compiere un vero e proprio salto nel tempo, a seconda del percorso. Dai gabinetti cinesi, il maestoso salone d’Ercole e l’elegante sala di Diana settecenteschi si giunge alle camere da letto dei principini e alle fotografie della regina Elena del Montenegro dei primi del Novecento. Nel mese di agosto la visita va dal giovedì alla domenica dalle 9 alle 19 previa prenotazione all’indirizzo [email protected]. Percorribile il primo anello del parco all’inglese con la grotta di Merlino e la dacia russa. In alternanza la visita include le cucine dell’Ottocento e il fregio "Il trionfo del console Lucio Emilio Paolo sul re Perso". Ogni domenica e festivi è possibile visitare il castello con le guide dell’Ufficio turistico prenotandosi sul sito www.visitracconigi.com. Il 23 agosto è previsto un approfondimento: "I principi di Carignagno: Emanuele Filiberto". Sempre a Racconigi, per gli appassionati di Storia locale la domenica visita obbligatoria al museo–giardino della civiltà della seta. Da segnalare il Centro cicogne aperto dal martedì alla domenica. 

A una ventina di chilometri da Pinerolo e una decina dalla torinese Piazza Castello c'è la Palazzina di caccia di Stupinigi, uno dei gioielli monumentali del capoluogo, anche se amministrativamente fa parte di Nichelino. La sua immagine, il regale profilo, ci è familiare, ma nella Palazzina, luogo di caccia nella vita di corte, e anche di feste e ricevimenti, val la pena entrarvi e farsi avvolgere dalla sontuosa raffinatezza dei suoi interni. La Palazzina, oltretutto, è anche sede del Museo dell'Arredamento.
Aperta dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17,30 (ultimo ingresso ore 17); sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 18,30 (ultimo ingresso ore 18), la residenza preferita dalla Regina Margherita, che sarà aperta anche a Ferragosto, ha in serbo per i visitatori alcuni eventi.
Le visite a tema, innanzitutto. Domenica 9, argomento della visita sarà "L'amore per la natura e l'esotismo", mentre il 15 agosto è previsto "Loisirs! Ovvero i momenti di festa e passatempo a corte: le cacce e i grandi festeggiamenti". Durata della visita 1 ora circa, costo 5 euro, oltre al prezzo di ingresso alla Palazzina (intero 12, ridotto 8).
Per garantire la massima sicurezza e gradevolezza della visita il numero dei partecipanti è limitato. È quindi necessaria la prenotazione all'indirizzo [email protected]
Informazioni al n. 0171 261.467.

Approfittiamo di questa estate "italiana" per andare alla Reggia di Venaria, una delle Residenze Sabaude parte del sito seriale Unesco iscritto alla Lista del Patrimonio dell'umanità dal 1997. Ricordatevi però di prenotare, è obbligatorio e lo si può fare dall suo sito: www.lavenaria.it.  E se non vi basta la bellezza armoniosa che esprimono Reggia e Giardini, sappiate che la sontuosa residenza ospita la mostra, allestita nella Citroneria Juvarriana, "Sfida al barocco", oltre 200 capolavori provenienti dai più prestigiosi musei e collezioni di tutto il mondo, elaborati tra  il 1680 e il 1750. Inoltre, tutti i venerdì e i sabato è in programma una rassegna di spettacoli. La Venaria Reale apre le porte ai suoi visitatori, dal martedì alla domenica, nei seguenti orari:
La Venaria è aperta dal martedì al venerdì: dalle 15 alle 22; sabato, dalle 10,30 alle 22; domenica: dalle 10,30 alle 18,30.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino