Martedì 4 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 03/08/2020 - 19:20

Flor Estate a Bardonecchia: terza edizione con piante, eccellenze agricole e artigianato

Flor Estate a Bardonecchia: terza edizione con piante, eccellenze agricole e artigianato
Sabato 11 Luglio 2020 - 11:45

Domenica 12 luglio, dalle 9 alle 19, Flor Estate torna a Bardonecchia. Per la terza edizione, piazza Statuto si trasformerà in un giardino grazie a circa 70 espositori da tutta Italia: florovivaisti, piccoli agricoltori e artigiani ceramisti.

 

Protagoniste, le piante tipiche delle coltivazioni di montagna, tra cui la Stella Alpina, l'Artemisia absitium (l'assenzio per fare il vermouth) e l'Artemisia genipi (genepy). Ci saranno anche i piccoli frutti: mirtilli e lamponi, more e fragole.

 

Non mancheranno proposte per la coltivazione in piena terra e in vaso: erbacee perenni a fioritura estiva, piante aromatiche, graminacee, ortensie e rose, bonsai, arbusti, piante rampicanti, alberi da frutto e annuali. Saranno poi presenti vivaisti con piante succulente, carnivore e piante da appartamento, tra cui le orchidee.

 

Parteciperanno a Flor Estate anche alcuni piccoli piccoli produttori con le loro eccellenze "naturali", dal miele alle grappe, ma anche erbe aromatiche, marmellate di frutta e pane. A completare la proposta, alcuni stand dedicati alle produzioni di artigianato e ceramica per l'arredo del giardino.

 

In Piazza Statuto saranno inoltre presenti i punti raccolta per ritirare le piante acquistate on line attraverso eflor (www.eflor.it)la nuova piattaforma ideata dalla Società Orticola Piemonte (www.orticolapiemonte.it), che organizza Flor Estate in collaborazione con il Consorzio Turismo Bardonecchia e il patrocinio del Comune di Bardonecchia.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino