Lunedì 10 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 15:30

Pragelato, chiusi tre ponti per degrado, verifiche sugli altri. La Giunta: «Incuria sistematica»

Pragelato, chiusi tre ponti per degrado, verifiche sugli altri. La Giunta: «Incuria sistematica»
Lunedì 6 Luglio 2020 - 16:32

 

Il Comune di Pragelato ha chiuso tre ponti sul territorio comunale per ragioni di sicurezza: ponte Mendia della cava, ponte sentiero Albergian zona Priotti, Pount Daz Itreit: «La sicurezza delle infrastrutture resta una priorità di questa Amministrazione Comunale», commentano in un comunicato il sindaco Giorgio Merlo, il vice sindaco Mauro Maurino e l'assessore ai Lavori Pubblici Claudio Salvai.

 

Risale al 2 luglio l'ordinanza di chiusura al transito ai mezzi motorizzati del Punt daz Itreit che di fatto costituisce il principale accesso alla Val Troncea. Il degrado della struttura portante è emerso durante i lavori di rimozione delle assi di copertura cominciati il 1º luglio.

 

L'Amministraizione pragelatese dichiara di aver verificato che molti ponti sono oggetto di «pesante logoramento» se non di un «progressivo ed irreversibile degrado frutto di una incuria sistematica e di un massiccio disinteresse che negli anni passati non hanno prestato la benché minima attenzione alle condizioni di tenuta e di consolidamento di queste infrastrutture di collegamento nel paese e nelle varie borgate».

 

Dopo le prime tre chiusure, è in corso la verifica da parte degli uffici competenti per accertare le condizioni di reale praticabilità di tutti gli altri ponti. «È ovvio che l’Amministrazione Comunale si impegna, compatibilmente con le poche risorse a disposizione, a ricostruirli al più presto dopo anni di incuria, degrado e plateale disinteresse».

 

Al contempo, la Giunta pragelatese precisa che «questo stato di degrado non compromette affatto l’attuale stagione turistica».

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino