Sabato 4 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 12:30

Una filiera tutta piemontese per il latte solidale per la Croce Rossa

Una filiera tutta piemontese per il latte solidale per la Croce Rossa
Martedì 12 Maggio 2020 - 23:21

 

È una filiera produttiva tutta piemontese quella che in poche ore si è attivata in nome della solidarietà in questi tempi di emergenza sanitaria ed economica, promuovendo la produzione gratuita di latte.

L’idea è venuta all’A.D. della ditta Pascal Srl di Trofarello L. Muller (tra i soci, la famiglia Branciaroli), produttrice di panna e gelati, attualmente chiusa e riconvertita in poche ore alla produzione di latte intero UHT. «Di solito noi non lo produciamo - spiegano - perché non siamo competitivi sul mercato. Ma in questo periodo di chiusura forzata abbiamo voluto dare una mano, proprio con questo genere di prima necessità». E se l’azienda di Trofarello ha provveduto alla lavorazione del latte, gratuitamente, il caseificio Ceirano Villosio Srl di Scarnafigi ha fornito la materia prima: ben 25 quintali di latte fresco. A rendere possibile l’iniziativa solidale, è stata una cordata di imprese e professionisti che hanno accolto con entusiasmo l’invito a prendervi parte: la ditta Delfino Srl di Cuneo ha assicurato il trasporto, il designer Franco Lima ha ideato la grafica, Colorlife ha elaborato la stampa delle etichette e la Tetra Pak Italia ha fornito le confezioni. Dalla attiva collaborazione di tutti è così nato Il Latte di Pà.  Sabato scorso è stato ritirato dalla Croce Rossa Italiana che si occuperà di distribuirlo alla famiglie in difficoltà, segnalate dai servizi sociali attraverso i Comuni.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino