Sabato 30 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 29/05/2020 - 18:10

Uova di Pasqua, colombe e gesti di solidarietà ai dipendenti dell'ASL TO 3

Uova di Pasqua, colombe e gesti di solidarietà ai dipendenti dell'ASL TO 3
Giovedì 9 Aprile 2020 - 19:15

Un po' di dolcezza tra tanta sofferenza e fatica arriva dalla Ferrero, che ha voluto fare un regalo di Pasqua particolare, donando 3.840 uova Kinder Gran Sorpresa all’Asl To3 – e a tutte le aziende sanitarie del Piemonte -  come gesto di vicinanza e di solidarietà nella battaglia contro il Coronavirus. Il dono è arrivato negli ospedali di Pinerolo, Rivoli e Susa, dove le uova sono già state consegnate, e che sta arrivando in queste ore in tutte le strutture e le sedi Asl sul territorio. Il dolce pensiero è per tutti i dipendenti dell’Asl To3: i medici e gli operatori sanitari impegnati in prima linea negli ospedali e sul territorio, il personale tecnico e amministrativo che si sta prodigando in tutte le attività di supporto.

Ma i gesti di generosità sono tanti: nei giorni scorsi, l’associazione Claudio Bassi Onlus di Orbassano ha fatto recapitare 60 uova di Pasqua senza glutine per i piccoli pazienti dei reparti di Pediatria di Pinerolo e di Rivoli e per le farmacie

ospedaliere di entrambe le strutture, mentre  un imprenditore del Pinerolese ha donato colombe pasquali prodotte dalla propria azienda dolciaria per il personale sanitario dell’ospedale di Pinerolo.

«Questi aiuti sono di estrema importanza e ci confortano: restando uniti supereremo l’emergenza», ha affermato il direttore generale dell'ASL TO 3, Flavio Boraso nel ringraziare la Ferrero e tutte le associazioni, aziende e singoli che in queste settimane difficili danno il loro contributo con gesti fdi affetto e generosità.

Nella foto: alcuni operatori del Dea di Pinerolo
 

_ _

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati