Sabato 30 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 29/05/2020 - 18:10

Pasqua in Via Lattea al tempo del coronavirus, Merlo: «I controlli saranno rafforzati»

Pasqua in Via Lattea al tempo del coronavirus, Merlo: «I controlli saranno rafforzati»
Giovedì 9 Aprile 2020 - 18:34

Si preannuncia una Pasqua fatta anche di controlli, nei Comuni della Via Lattea, per evitare spostamenti non autorizzati dai decreti governativi e rischiosi per la salute di tutti i cittadini. Ad annunciarlo è il sindaco di Pragelato Giorgio Merlo, assessore a Comunicazione e Trasporti dell'Unione montana Comuni olimpici Via Lattea.

 

«Nessuna volontà punitiva nei confronti dei turisti - assicura Merlo - anche percheé le nostre valli, come tutti sanno, vivono prevalentemente, se non esclusivamente, di turismo estivo ed invernale. Ma la perdurante emergenza sanitaria con cui, purtroppo, dobbiamo continuare a convivere, ci impone la massima severità nel controllare gli spostamenti verso i comuni olimpici in questi giorni di vacanze pasquali».

 

Per i controlli i comuni si avvarranno della presenza costante della Polizia Locale dell’Unione Montana della Via Lattea e delle Forze dell’Ordine: «I controlli - precisa il sindaco di Pragelato - saranno intensificati in queste e nelle prossime ore anche per rispondere alle indicazioni provenienti dalle ordinanze ministeriali e delle Regione Piemonte».

 

«Confidiamo, comunque sia, nel buonsenso dei cittadini e di chi ama veramente la bellezza dei nostri territori », conclude Merlo, che si dice anche, a nome di tutti i sindaci dell'Unione, convinto e speranzoso che questa emergenza sanitaria nazionale prima o poi finirà per tornare progressivamente alla normalità e «all’apprezzata presenza turistica nelle nostre valli».

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati