Martedì 4 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 15:38

Coronavirus: cinque manifestazioni annullate a Pragelato, il sindaco: «Andiamo avanti con impegno ancora maggiore»

Coronavirus: cinque manifestazioni annullate a Pragelato, il sindaco: «Andiamo avanti con impegno ancora maggiore»
Sabato 7 Marzo 2020 - 10:06

Cinque grandi manifestazioni che si sarebbero dovute svolgere sulla neve di Pragelato a marzo e aprile sono state annullate a causa della situazione legata al Coronavirus - Covid 19. «Ma Pragelato non si ferma, anzi lavorerà più di prima per continuare a progettare il suo futuro turistico, sportivo e di comunità» commenta il sindaco Giorgio Merlo.

 

La Ciaspolata degli Escartons, il Campionato delle Truppe Alpine (Casta), il trofeo Coni Kinder, le gare Inas European Winter Games e l’Uovo d’oro avrebbero dovuto garantire alla località della Via Latea due mesi molto intensi, sotto il profilo turistico e sportivo.

 

Prosegue Merlo: «Al di là di questo momento delicato e complesso per tutti, Pragelato va avanti e guarda al futuro con ottimismo e forte impegno. Sia per quando riguarda i futuri investimenti legati allo sport invernali e non solo e sia, soprattutto, per le prossime e svariate manifestazioni estive ed invernali».

 

Nei giorni scorsi il sindaco della località vicina, Sestriere, Gianni Poncet ha chiesto alla Giunta regionale del presidente Cirio lo stato di calamità naturale. Diverso il tono delle dichiarazioni del sindaco pragelatese: «Anche se dobbiamo prendere atto che ci saranno pesanti ricadute economiche per l’intero complesso turistico e professionale del comprensorio della Via Lattea, siamo perfettamente consapevoli che occorre continuare a lavorare sodo per valorizzare e affinare l’offerta turistica di questa zona riscoprendo sino in fondo la sua vocazione originaria. A cominciare, per quanto riguarda Pragelato, dal turismo estivo ed invernale».

l.p.
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino