Lunedì 19 Agosto 2019Ultimo aggiornamento 12:00

Ciclismo, Jacopo Mosca emozionato e carico, da sabato 3 in Polonia con la Trek Segafredo

Ciclismo, Jacopo Mosca emozionato e carico, da sabato 3 in Polonia con la Trek Segafredo
Mercoledì 31 Luglio 2019 - 18:35

Il comunicato stampa odierno della Trek Segafredo ufficializza l’ingaggio di Jacopo Mosca da parte del team World Tour diretto da Luca Guercilena. L’osachese raggiunge fino al 31 dicembre 2019 l’accordo con la compagine che lo vide esordire da stagista tra i professionisti. Sabato 3 agosto, Mosca sarà al via del Giro di Polonia e da Cracovia inizia una nuova fase della sua carriera: “è un’occasione importante ed una considerazione che voglio ripagare. Essere all’altezza del ruolo che mi verrà dato è un forte stimolo sin dalle prima parte di questa seconda fase di stagione ” - commenta a caldo l’osaschese dopo la diffusione della news che lo riguarda. Un attestato tangibile di fiducia nei mezzi dell’osaschese quello che giunge dalla compagine, che risulta pronta all’ingaggio di Vincenzo Nibali. “World Tour significa frequentare i massimi eventi del calendario internazionale, mi sento responsabilizzato e motivato a dare tutto” - aggiunge Mosca ormai in procinto di partire per la Polonia. Non fa proclami ma è ovviamente felice, lui che nel 2019 il numero sulla schiena lo aveva messo facendo parte del team continental italiano D’Amico Area Zero: arrivato con la giusta motivazione al Trofeo Laigueglia di febbraio ha continuato ad onorare gli appuntamenti, ricevendo l’apprezzamento del ct Davide Cassani quando è giunto un significativo terzo posto di tappa alla Settimana Coppi e Bartali. “La convocazione in azzurro è stata un segno ulteriore di come io potessi guardare avanti con fiducia” - aggiunge il corridore che nell’inverno scorso ha caparbiamente creduto nel suo essere all’altezza del professionismo, superando settimane in cui, malgrado ciò che di buono aveva mostrato nel biennio in maglia Wilier, non c’erano più garanzie contrattuali. Qualche mese dopo aver corso una Tirreno Adriatico da protagonista, in evidenza anche al Giro, il ciclista pinerolese ha fatto appello alla determinazione quando ha effettuato una vera e propria ripartenza. Ecco l’accordo con la D’Amico, avvalsosi delle qualità di Mosca in questi mesi di corse spesso non di grande blasone. La serie di piazzamenti in top ten ha espresso una maturità d’atleta anche sotto il profilo motivazionale. Per la Trek Segafredo il General Manager spiega: “la scelta di aggiungere un altro corridore nasce dal fatto che non volevamo bruciare i tempi del recupero di chi è infortunato(Alex Kirsch, Matteo Moschetti. Si aggiunge il ritiro di Markel Irizar dopo la Clásica di San Sebastián”.
Aggiunge Guercilena: “Da quando Jacopo e’ stato con noi da stagista lo abbiamo mantenuto nel nostro radar, seguendone i progressi. Ha dimostrato di essere forte nella polivalenza di tuttofare ed e esattamente ciò che cerchiamo, pronti a dargli di nuovo il benvenuto”

Aldo Peinetti