Domenica 25 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 24/10/2020 - 19:29

La Regione finanzia Pracatinat, «ma è l'ultima volta, si trovi una soluzione»

La Regione finanzia Pracatinat, «ma è l'ultima volta, si trovi una soluzione»
Venerdì 13 Marzo 2015 - 18:06

Sarebbe già pronto un emendamento alla legge regionale di bilancio per finanziare l'attività di Pracatinat almeno per il 2015.

Quest'anno la deliberazione sul bilancio della Giunta Chiamparino non prevedeva più lo stanziamento di 270mila euro accordato l'anno scorso dal socio di maggioranza, in linea con la proposta di liquidazione già portata in assemblea dei soci. Ora, però, sembra essere vicina una svolta.

 

«Nelle tabelle presentate in commissione c'erano 200mila euro per coprire il 2015 - comunica il pinerolese Federico Valetti, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle - ora la struttura va resa in grado di sostenersi da sola». Da parte sua il Movimento 5 stelle esprime soddisfazione, dopo varie iniziative volte a sensibilizzare il Consiglio regionale sulla crisi del centro di educazione ambientale di Fenestrelle, e sulla necessità di rilanciarlo insieme al territorio circostante.

 

 

Tra le fila del Pd l'altro consigliere di Pinerolo Elvio Rostagno conferma la notizia ma ribadisce il clima da ultimatum che continua a respirarsi a Torino: «L'assessore ha confermato l'intenzione di presentare un emendamento che assegni a Pracatinat i 200mila euro, da aggiungere a una cifra già prevista in precedenza. La somma dovrebbe quindi avvicinarsi all'impegno dell'anno scorso». Per il momento, quindi, il tavolo tecnico può lavorare per non liquidare la società e i lavoratori legati alla struttura possono rifiatare. «Ma per il 2016 si deve individuare una soluzione - ammonisce Rostagno - non è pensabile che una cifra del genere venga stanziata ancora per Pracatinat». Approfondimenti su "L'Eco del Chisone in edicola mercoledì 18 marzo, disponibile anche nella versione digitale.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino