Giovedì 28 Maggio 2020Ultimo aggiornamento 0:11

Sistema dei rifiuti al collasso a farne le spese sarà l'Acea?

Inchiesta: i Piani torinesi per non finire travolti dai debiti
Mercoledì 30 Maggio 2012 - 00:00

Il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti metropolitano potrebbe collassare sotto una montagna di debiti, il punto di non ritorno non sarebbe molto distante. Per evitare il disastro con il fallimento di molte aziende di gestione e ripercussioni sui servizi, si sta cercando una via d'uscita. Nell'inchiesta che troverete all'interno riveliamo le strategie dei vertici torinesi: Ato dei rifiuti e Comune di Torino. Due i punti fondamentali: la formazione di un'unica azienda di gestione per tutta la provincia e la vendita dell'inceneritore. Il tutto dovrebbe finire sotto il controllo dell'Iren, la società multiservizi che fa capo sia al Comune di Torino che a quello di Genova. A questo punto l'azienda pinerolese del settore, l'Acea Spa, rischia di essere trascinata in un carrozzone pieno di debiti. Timori anche per le tariffe che dovrà applicare il gestore dell'inceneritore e sul futuro della differenziata. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati