Sabato 20 Luglio 2019Ultimo aggiornamento 20:27

Calcio derby a sorpresa: Pinerolo si prende Airasca

Mercoledì 2 Novembre 2011 - 00:00

AIRASCHESE    1
PINEROLO    2

Airaschese: Marcaccini, Stefanon, Mazzarella (73' Di Fabio), Piscopo, Carli, Faridi (46' Amedeo), Favale, Orilio, Cravetto, Valzano (18' Sasso), Granieri.
Pinerolo: Odier, Ghirardi, Scarsi, Filip, Pepino, Lerda (58' Molinaro), Stangolini (80' Abdoune), Dedominici, Bonin, Soffietti (83' Laurenti), Martin.
Reti: 10' Soffietti, 75' Martin (P), 87' rig. Orilio (A). Espulso: 88' Stefanon (A).

La prima vittoria esterna del Pinerolo arriva nel giorno più importante, quello del derby. Un risultato, quello ottenuto dai ragazzi di Zaino, che scaccia i fantasmi di una classifica che cominciava a preoccupare. Di contro, i biancorossi, vincendo, sarebbero addirittura balzati in testa.
Ma la gara di Airasca ha raccontato ben altro: sono stati gli ospiti, infatti, a meritare i tre punti, con una partita ordinata e volitiva, che si è messa presto bene per l'undici pinerolese. Al 10' Bonin serve in area al giovane Soffietti un pallone davvero troppo invitante per non metterlo alle spalle di Marcaccini. Sul versante opposto, assenti Chiumente, Rignanese, Carli e Cesarò; Nisticò sostituisce già al 18' Valzano, cercando di coprire una difesa che soffre. È allora Cravetto a prendersi sulle spalle il peso della squadra e a lottare su ogni pallone, provando il tiro, alto, al 25'. La manovra biancorossa, però, non convince, anche se al 37' Odier è costretto al grandissimo intervento, ancora sulla conclusione del numero 9 di casa.
Nella ripresa il copione non cambia: ospiti accorti e pronti a ripartire e mettere in difficoltà gli avversari. Finché, al 75', arriva il raddoppio: sugli sviluppi di una punizione di Filip, Bonin veste - ancora una volta - i panni di uomo assist, servendo a Martin il pallone del raddoppio. Il rigore, che Orilio trasforma, non cambia il risultato di una partita chiusa dal palo di Scarsi.
«Ha vinto la squadra che ha giocato meglio», ammette mister Nisticò, che aggiunge: «Non ci sono scuse, anche se in una partita così importante ci siamo dovuti presentare con la difesa totalmente rivoluzionata». Che cosa è cambiato nel Pinerolo dopo le ultime prestazioni? «C'era voglia di riscatto, è una vittoria del gruppo», spiega Zaino. La classifica sorride, adesso serve continuità. Domenica a Pinerolo arriva il Mirafiori, mente l'Airaschese è attesa dal riscatto in casa del Lucento.�