Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 15:54

Centro Fise, gigante con i piedi d'argilla

Traballano le motivazioni che 23 anni fa spingevano la scuola
Martedì 15 Marzo 2011 - 16:51

«Ci sto girando attorno dal 1990 - recrimina Angelo Distaso -, eppure il Centro Fise di equitazione è un maneggio con poco o niente attorno. Roba da non crederci».
Si dice «stanco, scoraggiato». È troppo anche per un ottimista come lui. «Coltivo un sogno che dovrebbe stimolare la città che fu "della Cavalleria" e invece…. Non è un mio pallino, eppure c'è chi continua a crederlo o, peggio, insinua che il sottoscritto insegue un tornaconto personale». Senza assumerne la difesa d'ufficio (non ne ha bisogno), sappiamo bene chi tappò i buchi del blasonato concorso a cinque stelle 2004, come gli altri organizzato per far parlare della Scuola. Un tale Mongarli gli tirò il bidone ed il "rosso" lo coprì Distaso. Non ha più visto un centesimo. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino