Giovedì 19 Settembre 2019Ultimo aggiornamento: 18/09/2019 - 18:05

Orbassano esulta, Cavour perde le staffe

Promozione, gir. C: la vittoria dei locali manda su tutte le furie Guasco & C.
Martedì 22 Febbraio 2011 - 17:39

Girone C

ORBASSANO GABETTO    2
CAVOUR    0

Orbassano Gabetto: Cosentino, Talarico A., Boscolo (46’ Poggio), Alessandrin, Righero, Guerrieri, Artuso, Di Muro (77’ Talarico D.), Volpe, Rizzolo, Bellucci (52’ Oreglia).
Cavour: Copetti, Guasco, Chiaussa, Brigante, Schina, Rollé, Castagno, Rosaclot (61’ Ferrati), Papalia, Corsaro, Saponaro (57’ Coco).
Reti: 68’ Oreglia, 70’ Volpe (O).

(m.b.) Vince e convince l’Orbassano Gabetto di Gambino, al cospetto di un Cavour ordinato, ma che non sa pungere là davanti. Nel grigio e soporifero primo tempo sono i padroni di casa ad impensierire il portiere: al 10’ Artuso colpisce al volo di sinistro dal limite, la sfera termina abbondantemente alta. Per il resto, qualche cartellino giallo, alcune entrate fuori tempo e tanti sbadigli.
La musica cambia nella ripresa, con i 22 più determinati nel tentativo di sbloccare il risultato. Ci riesce l’Orbassano con Oreglia al 68', che con una pregevole volèe di sinistro in piena area, spedisce in rete l'invito di Guerrieri su punizione. Passano solo 2' e i locali chiudono la pratica: Rizzolo sguscia via in mezzo a tre e serve un cioccolatino a Volpe; il numero 9 non ha difficoltà ad insaccare di testa, a porta praticamente sguarnita. L’uno-due orbassanese stende i ragazzi di Di Leone, che si svegliano tardi. La prima conclusione ospite verso la porta di Cosentino arriva al 73', diagonale del neo entrato Coco, bloccato dal portiere. Gli altri due spunti giallorossi portano la firma di Ferrati (tiro debole all'85') e Schina, che all’altezza del dischetto si fa ipnotizzare dall’estremo di casa. Il mancato tap-in di Rizzolo, sull’uscita a vuoto di Copetti, è l’ultima fiammata di un match sentito, forse anche troppo. Da dimenticare la reazione di un furibondo Guasco - verso un compagno - davanti agli spogliatoi, calmato a fatica da dirigenti e giocatori cavouresi.� (approfondimenti nell'edizione in edicola)