Fuori i disabili!

Nichelino

NICHELINO – I disabili nichelinesi dovranno pagare le bollette e spedire raccomandate in strada. All’Ufficio postale di via XXV Aprile 7 il gradino di 25 centimetri rimarrà inaccessibile: non sarà collocata alcuna rampa sul marciapiede per farli accedere nel locale, perché il Comune non le ammette. Saranno i dipendenti delle Poste ad uscire in strada. Come? Grazie a un pulsante che segnalerà agli operatori dell’ufficio la presenza di una persona che ha bisogno di assistenza sul marciapiede.
A sollevare il problema di questa barriera architettonica è stato il consigliere Pdl Carmelo Mendolia. Nel novembre 2009 aveva presentato un’interrogazione in Consiglio, ma la risposta della maggioranza non l’aveva soddisfatto, perciò ne ha presentata un’altra il 16 aprile, che sarà discussa nella seduta di giovedì 10 giugno. Inoltre il 3 maggio ha scritto una e-mail all’Osservatorio regionale sulla disabilità, in cui denunciava che «il Comune di Nichelino non usa il rispetto delle normative per i disabili» ed ha ricordato il problema ai consiglieri due giorni dopo.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino