Lunedì 19 Aprile 2021Ultimo aggiornamento: 17/04/2021 - 23:35

Vetrine spaccate nei bar del centro

Tre i locali colpiti, ma solo in un caso si è verificato un furto
Venerdì 21 Maggio 2010 - 17:16

I vetri all'ingresso di tre locali del centro storico di Pinerolo sono stati spaccati nella notte tra domenica 16 e lunedì 17. Si tratta del Cafè del dom in via Trento, del bar-ristorante Legger in piazza del Duomo e del bar Popsy in piazza Marconi, vicino alla chiesa di S. Domenico, più defilato rispetto ai primi due.
In quest'ultimo caso chi ha rotto il vetro ha anche divelto le sbarre che proteggono l'ingresso dalle intrusioni e si è intrufolato dentro al bar, attirato probabilmente dalla macchinetta cambiamonete.
In effetti il mattino dopo parte del contenuto non c'era più. Nessuna traccia dei ladri che possa indirizzare le ricerche dei Carabinieri, ai quali la proprietaria ha sporto denuncia.
Non ha macchinette da scassinare, invece, il Cafè del dom. Il titolare non ha idea di chi possa avergli danneggiato la porta d'ingresso del locale (uno scherzetto che rischia di costargli qualcosa come 800 euro). «Non ci era mai capitato niente di simile, né avevamo avuto avvisaglie di alcun tipo - racconta -. Vero è che il centro storico è sempre più buio e desolato di notte. Tranne il venerdì e il sabato in cui teniamo aperto, la via resta deserta. E qualche luce in più non guasterebbe». Un appello al Comune? «Sì, ricordatevi del centro storico».
Sulla vetrina del bar-ristorante Legger, al posto di "Specialità pesce", campeggia ora la scritta "Attenzione pericolo". Anche qui la vetrina d'ingresso è stata presa di mira proprio nel cuore della città. Difficile stabilire con certezza se tra i tre episodi, così ravvicinati anche nel tempo, ci sia qualche connessione.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino