Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:26

Vittorio Avondo, un pittore da riscoprire

Mostra in primavera al castello di Miradolo a S. Secondo
Venerdì 12 Marzo 2010 - 11:54
Tra gli esponenti di spicco della Scuola di Rivara, amico di Bertea

Gli ultimi "Avondo" che si sono visti sono quelli che ha esposto il "Portico", galleria in Pinerolo, per le rassegne di fine anno.

Altri sono nella memoria, dalle visite alla galleria d'arte moderna Gam di Torino come le tavolette dipinte con vivacità e picchiettate dalla luce, nelle atmosfere boschive o in quelle aperte a più ampi orizzonti, determinate con pennellate essenziali e allungate stesure; località come il mare di Rapallo o la campagna di Gattinara, lo stagno, la fonte, il campo in declivio e la mucca, i tramonti come il crepuscolo a Rocca di Papa, le boscaglie in controluce…

Sul territorio pinerolese la presenza di opere di Vittorio Avondo è stata poco individuata; eppure già nel 1932 due visioni del "Teverone" avevano affascinato i visitatori di una grande mostra ornata anche delle opere di Ernesto Bertea, Lorenzo Delleani, Cavalleri, Reycend, Maggi, Felice Carena, Giacomo Grosso fino a Nello Cambursano, Giovanni Avaro ed Alfredo Beisone.

m.m.p.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino