Mercoledì 8 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 8:45

Pro loco: «Nessuna crisi, solo un ridimensionamento»

Paesana, ridotto organico e manifestazioni
Venerdì 12 Marzo 2010 - 11:56

PAESANA - Le dimissioni di sette consiglieri della Pro loco per motivi personali possono far pensare che tiri aria di crisi. È il presidente Franco Madau a chiarire subito ogni equivoco: «Non c’è nessuna crisi, solo un ridimensionamento del gruppo che guida l’associazione, come pure c’è un ridimensionamento del programma 2010, anche se al momento non è ancora stato deciso niente in proposito».

Il gruppo che operava in Pro loco era formato da 16 persone, ora sette sono dimissionari e in nove, compreso il presidente, continueranno a gestire l’associazione. Franco Madau rimane presidente e Mauro Bottero il vice, mentre cambia la guida alla segreteria, a sostituire la dimissionaria Silvia Cotti, sarà Alessandro Galli.

Se sono così chiariti i dubbi in merito all’organico rimane il programma 2010, come conferma anche l’assessore al Turismo Emanuele Vaudano: «Un ridimensionamento dovuto a cause di forza maggiore. Innanzitutto è opportuno non mettere troppa carne al fuoco e fare bene quello che possiamo fare con le forze che abbiamo, tenendo conto anche il lato finanziario, perché le disponibilità sono sempre meno e di conseguenza dobbiamo adeguarci; comunque al momento non è ancora decisa la sequenza degli avvenimenti che intendiamo organizzare».

Tra le manifestazioni a rischio le "notti bianche”. Per questo motivo, nelle prossime settimane il direttivo convocherà i commercianti, per sottoporre anche a loro la bozza del calendario e le difficoltà a realizzarlo, in pratica verrà chiesta loro la compartecipazione all’organizzazione.

Altra novità è la decisione di non allestire più il "ballo sul palchetto" in occasione delle Patronali di S. Bernardo e di S. Giuseppe, a luglio e agosto, perché i costi sono troppo rilevanti: si ballerà sotto l’ala comunale. In linea di massima sono invece confermate le altre manifestazioni, compresa la 34ª edizione della “Strapaesana” e lo spettacolo pirotecnico.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino