La Cina è sempre più vicina

Capodanno cinese a Barge per la prima volta fuori dalle case
Un migliaio alla festa dell'Associazione cinesi uniti di Cuneo

«Non mi sono mai reso veramente conto di quanti siano i nostri concittadini cinesi finché non ne ho visti così tanti, tutti radunati per festeggiare il Capodanno».

È questa la considerazione che hanno fatto i pochi italiani presenti alla festa sabato scorso al cinema di Barge.

"Franco", presidente dell’Associazione cinesi provincia di Cuneo, ha parlato di "nostalgia" per la patria lontana, di capacità del popolo cinese di superare la crisi e di perseguire la prosperità economica.

Oltre tre ore di festa e divertimento contagioso (con il console di Milano, i membri dell'Associna e rappresentanti di varie comunità) in cui è emersa la compattezza della comunità, la determinazione sul futuro e una voglia matta di riscattarsi.

di M. Clericuzio
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino