Martedì 4 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 03/08/2020 - 19:20

MORTALE TRA REVELLO E RIFREDDO: MUORE DONNA DI 70 ANNI

Rifreddo: La berlina si è ribaltata fuori strada
Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:32

REVELLO - Dramma nelle prime ore della mattinata di lunedì 18: Liliana Galliano, 70 anni compiuti solo sei giorni prima, è deceduta a causa di un’uscita di strada nel tratto di strada che da Rifreddo porta al centro revellese, poco prima della frazione Morra S. Martino.

L’auto era guidata dal marito Paolo Palmento, classe 1935, che ha perso il controllo intorno alle 6,50 mentre viaggiava in direzione Revello, finendo nel fossato in località "Ponte Rosso", un tratto in cui la carreggiata compie una lieve semicurva, teatro in passato di numerosi e gravi incidenti in cui hanno perso la vita altre persone.

Le cause dell'incidente sono in via di accertamento da parte dei Carabinieri. Il tratto è quasi rettilineo. Le prime ipotesi farebbero risalire la sbandata, forse, a un lieve malore del conducente. In ogni caso l'auto ha capottato lungo il versante (una scarpatina di alcuni metri) per poi conficcarsi nel canale che fiancheggia la provinciale della Valle Po.

I due coniugi, pensionati (lei ex-barista, lui è stato autista) abitavano a Rifreddo in via della Palestra, non molto lontano dal luogo dell'incidente. Entrambi sono rimasti intrappolati nelle lamiere della vettura. Si è reso necessario l’intervento dei Vigili del fuoco di Saluzzo e Cuneo, con l'aiuto del Nucleo speleo-alpino-fluviale. Per le gravi ferite non ha avuto scampo la donna, che è deceduta sul colpo, mentre il marito, ferito, è stato trasportato con l'elicottero all’ospedale di Saluzzo. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i Carabinieri di Paesana e le ambulanze della Croce verde di Saluzzo e della Croce rossa di Paesana.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino