Mercoledì 8 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 8:45

Un dipinto del Seicento nella chiesa di Airali

Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:16

S. SECONDO - È stato inaugurato nei giorni scorsi, alla presenza del parroco don Gustavo Bertea e del sindaco Paolo Cozzo, un dipinto restaurato nella piccola chiesa della frazione Airali.

Si tratta della frazione più "giovane" di S. Secondo, nata attorno a un nucleo costituito da poche case rurali ubicate vicino alla piccola chiesa di S. Giovanni Battista, risalente alla seconda metà del XVII secolo. E proprio all’interno di questo edificio religioso è stato scoperto un quadro raffigurante S. Giovanni Battista.

Prelevato per effettuarne il restauro, il quadro raffigura proprio quel S. Giovanni Battista che è il patrono della piccola cappella della frazione. Inizialmente si era pensato che l’opera fosse di relativo valore, in un secondo tempo si è però rivelata un'opera preziosa risalente al Seicento.

Dopo le analisi specifiche degli esperti della Sovraintendenza, il quadro è stato poi interamente restaurato grazie al contributo della Conferenza episcopale italiana.

«Al di là del valore simbolico e reale dell’opera, a questo punto ci sembrerebbe interessante scoprirne la storia e il motivo per cui questo lavoro sia finito nella nostra piccola cappella di frazione Airali», dice Paolo Cozzo nel duplice ruolo, in questo caso, di sindaco e storico presso l’Università degli studi di Torino.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino