Lunedì 8 Marzo 2021Ultimo aggiornamento 15:01

Com'è difficile farsi pagare!

Crisi di liquidità riguardo il settore pubblico e privato
Venerdì 23 Aprile 2010 - 12:17
Un Patto di stabilità che destabilizza Comune e ditte

Mani che si stringono al collo di piccole e medie imprese. Strangolate, strozzate da leggi e burocrazia.

Mauro Prot, della Cna di Pinerolo, trova le parole che rendono benissimo l'idea: «Un dramma burocratico, che dà vita a un meccanismo perverso, perché alla fine non si capisce a chi dia stabilità: non certo all'ente pubblico, che non pagando fa crollare il privato e destabilizza tutto il sistema».

Parliamo di imprese (piccole e medie) edili, di lavori pubblici e di Patto di stabilità. In pratica: il "Patto" prevede che i Comuni non possano sforare un tetto massimo di investimento annuale, anche se magari i soldi in cassa li hanno. Diversi Comuni (ma anche la Provincia e la Regione) appaltano ugualmente i lavori rinviando i pagamenti alle aziende, che però a loro volta devono pagare i dipendenti e i fornitori.

di M. Bonati
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino