La squadra di "ViviPinerolo", in collaborazione con il Comune e la Pro loco, ripropone la 2ª "Pollice verde", rassegna florovivaistica dedicata al giardinaggio allestita nell'ampio parco di Villa Prever (viale della Rimembranza 67) raggiungibile con un trenino gratuito che farà la spola da piazza Facta sabato dalle 15,30 alle 19,30 e domenica dalle 10 alle 19,30.
La manifestazione del 7 e 8 maggio intende dare visibilità a vivaisti e operatori che assistono e arredano gli spazi verdi, con tende mobili, fioriere e tagliaerba. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Sta traslocando il Museo di scienze naturali. Il grosso delle collezioni hanno preso la strada di Villa Prever, anche se la storica sede di Palazzo Vittone non è ancora completamente vuota. Hanno infatti immagazzinato l'immagazzinabile nell'adiacente basso fabbricato concesso in uso dal Comune dopo un lungo braccio di ferro con il presidente Martelli in attesa di dare attuazione allo studio di allestimento fatto predisporre dall'Associazione naturalistica.

Francesco Poët ed il fratello Luigi volevano onorare la memoria dei genitori, il prof. Giovanni Poët ed Angela Del Ponte. Così donarono alcuni appartamenti in corso Porporato a Pinerolo per la costituzione di un'apposita Fondazione. Un gesto - i fatti risalgono al dicembre 1979 - che i sindaci di Pinerolo, Dario Debernardi, e di Roure, Ettore Merlo, apprezzarono moltissimo per l'iniziativa a favore delle loro popolazioni.

Edizione 17 del 27/04/2011

Facebook, l'altra campagna elettorale

Perché votarmi? Te lo spiego (anche) su Facebook. Il celebre social network entra a pieno titolo nella campagna elettorale.
Sono nove i pretendenti alla poltrona di sindaco, appartengono a generazioni e mondi diversi, ma tutti una capatina sul web l'hanno fatta per incontrare potenziali elettori.

Compito particolarmente arduo quello che il giudice Marco Battiglia si appresta ad affrontare: è lui infatti a dover decidere sul futuro (non solo processuale, vista la portata della vicenda) di Francesca Pamfili, Elisa Griotti e Stefania Di Maria, le tre titolari del nido "Nel paese delle meraviglie" di via Alliadi per le quali il pm Ciro Santoriello ha formulato accuse pesantissime e chiesto il rinvio a giudizio.