Festa del Piemonte al colle dell'Assietta: la rievocazione della storica battaglia

Festa del Piemonte al colle dell'Assietta: la rievocazione della storica battaglia
Sabato 15 Luglio 2023 - 11:46

Oggi, sabato 15 luglio a partire dalle 15,30 al Colle dell’Assietta si aprono le visite al campo storico, mentre alle 19 è in programma la cena organizzata dal Rifugio Casa Assietta. Comincia così il programma della 55ª edizione della Festa del Piemonte e della rievocazione della battaglia dell'Assietta del 1747. organizzata sabato 15 e domenica 16 luglio dall'Associassiôn Festa dël Piemônt al Còl ëd l'Assieta.

Per informazioni e prenotazioni occorre chiamare i numeri telefonici 334-3021848 o 0122-456.329. Alle 21,30 partirà la fiaccolata all’obelisco, seguita alle 22 dal ricordo dei cadutie alle 23 dal falò con la musica de “I Bôgia nen” a Casa Assietta.

 

LA RIEVOCAZIONE STORICA

Domenica 16 alle 9,45 ci sarà la cerimonia dell’alzabandiera e a seguire la Messa in piemontese. Alle 11,45 i gruppi storici rievocheranno la battaglia. Alle 12,30 il pranzo organizzato dal Rifugio Casa Assietta e nel pomeriggio alle 14,30 sono in programma canti e balli folkloristici con la Filarmonica di Cavour e il coro alpino il Rifugio. Alle 15,30 si terrà la conferenza sul tema “La Battaglia dell’Assietta e la campagna militare alpina del 1747” e alle 17 la festa si concluderà con la cerimonia dell’ammainabandiera.

Il Colle dell’Assietta è raggiungibile dalla Val di Susa, attraverso Meana e il Colle delle Finestre, oppure dalla Val Chisone dal Pian dell’Alpe sopra Balboutet di Usseaux. Coloro che volessero pernottare nella notte tra sabato e domenica, potranno farlo con camper, roulotte e tende in un’area delimitata nei pressi di Casa Assietta. In caso di maltempo, l’evento potrà essere annullato. Per maggiori informazioni, è possibile scrivere a [email protected] oppure chiamare gli organizzatori Enrico Tenivella al 337-225401, Fiorenzo Bosticco al 347-5288615 o Carlo Maina al 348-5146050.

 

SENSO UNICO SULLA PROVINCIALE 173

Per sabato 15 luglio la Direzione Viabilità 2 della Città metropolitana di Torino ha previsto una deroga al divieto di circolazione dei mezzi motorizzati sulla Strada Provinciale 173 da Pian dell’Alpe al Col Basset. Per domenica 16 luglio è istituita la circolazione a senso unico in salita dalle 6 alle 12 da Pian dell’Alpe (km 33+150, all’incrocio con la strada comunale per Balboutet di Usseaux) al Colle dell’Assietta (km 22+750). Dalle 14 alle 18 nello stesso tratto della SP 173 è istituita la circolazione a senso unico in discesa dal Colle dell’Assietta a Pian dell’Alpe.

 

LA BATTAGLIA DELL’ASSIETTA

La battaglia del Colle dell’Assietta del 19 luglio 1747 fece seguito ad una lunghissima serie di schermaglie tra francesi e piemontesi. Nei giorni precedenti lo scontro i piemontesi collocarono una serie di trinceramenti sul piano dell'Assietta, visibili dal contrafforte fra il Colle del Sestriere e la Testa del Gran Serin, che divide la Val Chisone dalla Valle di Susa. I piemontesi affidarono il comando al tenente generale Giovanni Cacherano, conte di Bricherasio, che, oltre alle truppe piemontesi regolari, poté contare sull’apporto delle milizie valdesi del Pinerolese e dell'alta Val Chisone, mentre quattro battaglioni austriaci, guidati dal generale Colloredo, arrivarono all’ultimo a rinforzo delle posizioni. Le postazioni piemontesi erano disposte a semicerchio su di una cresta ristretta e si appoggiavano alla Testa dell'Assietta e alla Testa del Gran Serin. L'assalto dei francesi fu lungo e spietato, ma, grazie all’eroica Compagnia Granatieri del 1° battaglione delle Guardie, poi rinforzata dalla Compagnia Granatieri del Reggimento provinciale di Casale, i nemici furono fermati. I francesi, dopo aver rimpiazzato i combattenti in prima linea con truppe fresche, continuarono nell'assalto, ma i granatieri piemontesi, anche se erano privi di munizioni, li attaccarono facendone strage. Al tramonto, l'esercito francese, ormai esausto, si ritirò dal campo di battaglia, lasciandosi dietro 5.300 soldati, 439 ufficiali, tra cui due generali, cinque brigadierie nove colonnelli, mentre i piemontesi persero solo sette ufficiali e 185 soldati e gli austriaci due ufficiali e 25 soldati.

 

DAL BASSET E AL GENEVRIS SI GIRA LA FICTION “FUOCHI D’ARTIFICIO”

Mercoledì 19 luglio la Strada Provinciale 173 dell’Assietta sarà interessata dalle riprese della produzione televisiva RAI “Fuochi d’artificio”. La zona in cui si svolgeranno le riprese è quella tra il Colle Basset il Monte Genevris, per cui, pur essendo il 19 luglio una giornata in cui la strada sarebbe riservata ai ciclisti e agli escursionisti a piedi, la presenza della troupe comporterà per alcune ore l’impossibilità di transitare nei luoghi in cui saranno in corso le riprese.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino