Chiusura della Sp 143 tra la Palazzina di Stupinigi e Vinovo: al via la sperimentazione

Chiusura della Sp 143 tra la Palazzina di Stupinigi e Vinovo: al via la sperimentazione
Venerdì 30 Aprile 2021 - 11:53

Partirà martedì 11 maggio, e si protrarrà per tutto il mese, la chiusura sperimentale della strada provinciale 143 di Vinovo nel tratto compreso tra la Palazzina di Caccia di Stupinigi e la rotatoria Debouchè, verso il Comune di Vinovo. A comunicarlo è la Città metropolitana di Torino: «Il provvedimento, concordato da tempo con gli amministratori locali, è finalizzato a valutare gli effetti sul sistema viario locale di una futura chiusura al traffico di tutto l’anello che circonda la Palazzina di Caccia, e in particolare la redistribuzione dei veicoli sulle viabilità alternative».

Il transito sarà vietato a tutte le categorie di veicoli, a eccezione delle biciclette e di coloro che sono autorizzati (cascine e bad&breakfst).

Nel mese di settembre 2020 sono stati condotti dei rilievi di traffico per vedere l’utilizzo in quel momento sia della Sp 143 nel tratto in questione, sia di altri tratti di strada su cui probabilmente il traffico si andrà a distribuire a seguito del divieto di transito.

La chiusura sperimentale avrebbe dovuto essere effettuata nel mese di aprile; tuttavia, le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria non avrebbero reso possibile un confronto con la situazione dello scorso settembre. «Pertanto - spiegano i responsabili del settore Viabilità dell'ex Provincia di Torino - di comune accordo con gli amministratori locali, la chiusura del tratto della Sp 143 è stata posticipata al mese di maggio, subito dopo il passaggiodella 2a tappa del Giro d’Italia che partirà proprio dalla Palazzina di Caccia domenica 9».

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino