Torre Pellice, vertici delle Universiadi Invernali ricevuti in Comune e al Palaghiaccio: candidatura 2025 forte

Torre Pellice, vertici delle Universiadi Invernali ricevuti in Comune e al Palaghiaccio: candidatura 2025 forte
Giovedì 29 Aprile 2021 - 12:30

Questa mattina, giovedì 29, si è tenuto un sopralluogo presso il Comune e lo stadio Cotta Morandini di Torre Pellice da parte della Federazione Interna Sport Universitario FISU, rappresentata da Leonz Eder Presidente facente funzioni, Eric Saintrond (segretario generale), Milan Augustin, direttore dei Giochi invernali universitari. Un confronto molto utile, ormai alla vigilia di un verdetto che si spera possa dare semaforo verde, trasformando la credibile candidatura di Torino e valli per il 2025 in assegnazione dell'evento. C'erano Lorenzo Lentini in rappresentanza del CUSI (Centro Universitario Sportivo Italiano) e Andrea Ippolito Direttore Generale del Cus Torino, Silvia Bini, resp. relazioni internazionali Cus Torino. Ad accogliere la delegazione il Sindaco, Marco Cogno. “E’ stato un incontro molto produttivo, ho potuto raccontare quanta tradizione, cultura e sport sia presente in un piccolo Comune come Torre Pellice. Ho consegnato alla delegazione volumi sulla storia della Valpe e una maglia delle nostre squadre giovanili. Il passato, il presente e il futuro del movimento Hockeistico valligiano". Torre è stata naturalmente individuata come sede per le gare hockeistiche, come avvenne nel 2007. Aggiunge Cogno: "Abbiamo effettuato anche un sopralluogo presso lo stadio che ha destato molti apprezzamenti. Rimango in attesa, con viva speranza, che Torre Pellice possa essere parte di un grande evento come le Universiadi nel 2025 facendo sistema con gli altri comuni olimpici. Il mio mandato finirà nel 2024 ma lasciare un evento così importante a chi verrà dopo sarà una grande eredità e opportunità per tutta la nostra comunità".

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino