Canalis e Lorenzino: «La Regione non aumenta stanziamenti per Forte di Fenestrelle e Ferrovia Pinerolo-Torino, nel 2021 passaggio a livello soppresso solo a Vinovo»

Canalis e Lorenzino: «La Regione non aumenta stanziamenti per Forte di Fenestrelle e Ferrovia Pinerolo-Torino, nel 2021 passaggio a livello soppresso solo a Vinovo»
Sabato 10 Aprile 2021 - 09:33

Bocciati nella discussione sul bilancio di previsione della Regione Piemonte due emendamenti in favore del Pinerolese del consigliere regionale Monica Canalis (PD) riguardanti aumenti di risorse di 500.000 euro per la fortzza di Fenestrelle (in aggiunta ai 500mila già stanziati e in attesa di essere erogati) e circa 3.3 milioni lo stanziamento per la soppressione dei passaggi a livello sulla Pinerolo-Torino, portando il capitolo a 10 milioni.

 

«È un bilancio senza investimenti e con molti tagli, che non mette le basi per la ripartenza post pandemia e trascura alcuni territori già svantaggiati. È il caso del Pinerolese » commentano Monica Canali e la candidata sindaco di Pinerolo Silvia Lorenzino.


«Sul Forte - spiega Canalis Canalis -, l’Assessore Poggio, che non ha ancora erogato i 500.000 euro previsti dalla Legge regionale 9/2019, rigetta un finanziamento di altri 500.000, che sarebbe stato determinante per mettere in sicurezza il forte delle Valli, a rischio crollo».


Sul treno, sostengono Canalis e Lorenzino, «l’Assessore Gabusi conferma il suo disinteresse per le linee ferroviarie minori e rifiuta di ripristinare la spesa storica sulla soppressione dei passaggi a livello, decurtandola da 10 a 6,5 milioni di euro. Ecco perché nel 2021 si progetterà solo la soppressione del passaggio a livello di Vinovo, rinviando a data da destinarsi quelli di Airasca, Piscina ecc.»

 

«Purtroppo - concludono - si certifica una scarsa attenzione verso il Pinerolese da parte della Giunta Cirio, più impegnata a raccogliere decine di progetti dalle province fuori Torino, come accaduto per il Recovery Plan.
Noi non ci stiamo e continueremo a farci sentire e a promuovere i bisogni e le proposte del nostro territorio».

Contenuti correlati: 
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino