Lunedì 12 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:09

None: manifestazione degli ambulanti, interviene il Sindaco

None: manifestazione degli ambulanti, interviene il Sindaco
Giovedì 8 Aprile 2021 - 12:50

Questa mattina un gruppo di ambulanti ha sfidato le restrizioni contenute nell'ultimo decreto nazionale che limita in "zona rossa" la presenza all'interno del mercato rionale ai soli banchi alimentari, agricoli o florovivaistici. La manifestazione autorizzata si è svolta attraverso il posizionamento simbolico di furgoni e banchi insieme ad alcuni cartelli e voci di protesta che hanno evidenziato le ormai conosciute disperate difficoltà economiche del settore. "Dopo un anno siamo ancora in piena pandemia, forse avete chiuso le attività sbagliate" oppure "Voglio solo lavorare" o ancora "Il lavoro è un nostro diritto", sono solo alcuni dei manifesti messi in mostra lungo tutta l'area mercatale. Per gli organizzatori, un movimento che si spera possa arrivare al Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio insieme alle richieste di un piano di apertura programmato e ristori adeguati. "Quest'oggi ho ascoltato le innumerevoli motivazione della categoria che hanno portato a questa pacifica manifestazione. Sul territorio siamo tutti penalizzati come tante altre nostre attività commerciali, lavoratori e famiglie. In particolare sull'aspetto mercatale è notizia di ieri che il Governatore Cirio in prima linea, ha promesso agli ambulanti una richiesta di cambio di passo da sottoporre all'attuale Governo. Oltre a questo se la campagna vaccinale sembrerebbe l'unica strada per uscir fuori da questa pandemia, che venga accelerata" le parole del Primo Cittadino Loredana Brussino accompagnata dal Comandante della Polizia Municipale Silvano Bosso.

Andrea Laruffa, foto Bussolino
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino