Venerdì 5 Marzo 2021Ultimo aggiornamento 18:06

Parco del Monviso, l'ex presidente Beccio: «È ancora l'occasione buona»

Parco del Monviso, l'ex presidente Beccio: «È ancora l'occasione buona»
Lunedì 15 Febbraio 2021 - 17:10

Quando è nato si chiamava Parco del Po, ma nella percezione poco è cambiato a parte il nome. Sergio Beccio ne è stato il primo presidente, nel 1990. Amministratore comunale a Paesana, Beccio interviene nel dibattito che si è creato prima intorno alla nomina del presidente dell’ente, e poi su quelle di Consiglio di amministrazione e presidente della Comunità (il “consiglio” allargato a tutti gli enti territoriali coinvolti dal Parco). 

 

Gli ultimi sviluppi sono noti: la settimana scorsa la Comunità si è riunita per votare il proprio presidente, il Cda e per ratificare il presidente dell’Ente, Dario Miretti, nominato dalla Regione a fine dicembre dopo un’attesa di 19 mesi. L’occasione ha scatenato polemiche e divisioni tra i Comuni e le Unioni montane che hanno partecipato alle votazioni. 

 

Beccio interviene a margine della polemica e sposta l’oggetto della discussione dalla politica a un piano ideale e di progettazione. 

 

«Non sono solo motivi economici o di promozione di questa o quella personalità politica che devono permettere al Parco di sviluppare una politica nuova e di innovazione [...] ma questa continua ad essere un’occasione buona. Chissà se la nuova classe politica della Regione Piemonte saprà vedere la grande opportunità che si potrebbe offrire al territorio? Quale dibattito e soprattutto quali azioni concrete si vorranno avviare anche localmente? Dobbiamo aspettare qualche altra generazione per dare vita ad un cambiamento epocale che offra soluzioni credibili per un mondo che si sta trasformando?».

 

Pubblichiamo il testo completo in allegato a questa news.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino