Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:26

Primi nuovi treni sulla Chivasso-Pinerolo

Primi nuovi treni sulla Chivasso-Pinerolo
Giovedì 7 Gennaio 2021 - 18:45

A partire dal 1°gennaio sono entrati in servizio (alternandosi al tradizionale Minuetto) quattro nuovi treni Pop destinati al nodo di Torino, compresa la linea Chivasso-Pinerolo. La dotazione rientra nell’ambito del contratto di servizio con Trenitalia (firmato a novembre), che prevede in totale 9 convogli Pop (di cui 4 appunto entrati in servizio) e 23 Rock sulle linee SFM 1 Rivarolo-Chieri (Canavesana), SFM 2 Chivasso-Pinerolo, SFM 3 Torino-Bardonecchia/Susa, SFM 4 Torino Stura – Alba, SFM 6 Torino Stura Asti e SFM 7 Torino Stura-Fossano. I nuovi treni Pop sono mono piano, tutto Made in Piemonte,  composti da 4 carrozze, con 4 motori di trazione, velocità massima di 160 km/h, possono trasportare fino a circa 530 persone, con oltre 300 posti a sedere (attualmente le regole per limitare la diffusione del Coronavirus permettono di utilizzarne la metà)finestrini più grandi, portale intranet, area passeggini, illuminazione a led, nuovo sistema di climatizzazione, prese usb e di corrente a 220V per ricaricare tablet e smartphone.I  treni sono dotati di trentadue videocamere a circuito chiuso e monitor  informativi di dimensioni doppie rispetto al passato. Sono treni ecosostenibili riciclabili fino al 97% con una riduzione del 30% dei consumi energetici rispetto ai treni precedenti e utilizzano materie prime provenienti dal riciclo. Sono presenti due postazioni dedicate ai diversamente abili collocate nelle immediate vicinanze delle porte di accesso e dei servizi igienici, così da ridurre al minimo gli spostamenti all’interno del treno. I mezzi sono costruiti in modo facilitare salita e discesa delle persone a ridotta mobilità.

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino