Martedì 1 Dicembre 2020Ultimo aggiornamento: 30/11/2020 - 18:40

Covid-19: sospese messe e culti nel Pinerolese nelle prossime due domeniche

Covid-19: sospese messe e culti nel Pinerolese nelle prossime due domeniche
Lunedì 9 Novembre 2020 - 21:00

La diocesi di Pinerolo e la chiesa valdese di Pinerolo hanno deciso congiuntamente di sospendere le celebrazioni e i momenti cultuali nelle domeniche 15 e 22 novembre.

Il Dpcm  del 3 novembre scorso introduce limitazioni più stringenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza da Covid-19. Il Piemonte è in zona rossa. Tuttavia, su tutto il territorio nazionale, la celebrazione di messe e culti continua ad essere consentita.

"A questa decisione siamo pervenuti congiuntamente con la volontà di dare a questo gesto una valenza ecumenica e di testimonianza civile - dichiarano il pastore Gianni Genre per la chiesa Evangelica valdese di Pinerolo e il vescovo di Pinerolo Derio Olivero - . Vogliamo altresì dare un segnale di solidarietà e vicinanza a tutti coloro che sono stati costretti a limitare drasticamente la propria attività lavorativa e, nello stesso tempo, ci impegniamo a non provocare ulteriore sovraccarico al lavoro degli operatori sanitari. Sospendere le attività cultuali non significa interrompere la pratica della carità fraterna, continuando ad impegnarci come cristiani nella solidarietà, nell’ascolto, nell’amore fraterno e nel seguire le persone che attraversano la dimensione della malattia e del lutto". "Facciamo volontariamente un passo indietro".

Sospese dunque le messe festive (e prefestive) nelle parrocchie della diocesi Pinerolese, e il culto domenicale a Pinerolo e nelle Valli Valdesi.

Saranno comunque celebrati i funerali (con le limitazioni vigenti in materia di prevenzione anti-Covid).

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino